Andrea duro

andrea duro

Un año más la alfombra roja de los Premios Platino se ha extendido para dar la bienvenida a un buen número de caras conocidas. Así, tras ver los looks de moda de lo andrea duro variados que nos ha dejado esta red carpet, no podíamos menos que hacer un repaso a algunos de los andrea duro beauty que realmente nos han encantado.

Además, para conseguir un cabello elegante que fuese acorde con el look, han apostado por un styling sencillo pero potente con productos de Goldwell con los que han conseguido un efecto mojado muy pulido ideal. Concretamente han usado desde el bálsamo alisador Flat Marvel, a la espuma de peinado Ultra Volume Glamour Whip ( 10,95 €)la laca Perfect Hold Sprayer ( 8,95 €) y el spray de protección y brillo Just Smooth Diamond Andrea duro ( 9,95 €).

Maggie Civatos También ha usado productos de Goldwell como la loción anti-encrespamiento Soft Tamer ( 10,99 €) y el Soft Waver para crear ondas sutiles. Mientras para el flequillo lo ha trabajado en las raíces con Dust up ( 11,95 €) y, finalmente, un toque de spray Naturally Full para mantener cierto movimiento. Ana Fernández • Festivales • Gourmet • Libros y literatura • Series de televisión • Viajes • Dietas y Nutrición • Rebajas • Mango • Zara • Vestidos de fiesta • Look celebrity • mascotas Ver más temas Síguenos • Twitter • Facebook • Youtube • Instagram • RSS • Flipboard Recibe un email al día con los artículos de Trendencias: Suscribir • Trendencias TV • Lo mejor • Equipo editorial • Contacta con nosotros • Más sitios que te gustarán • Espinof • Decoesfera Explora en nuestros medios • Tecnología Móviles, tablets, aplicaciones, videojuegos, fotografía, domótica.

• Xataka • Xataka Móvil • Xataka Foto • Xataka Android • Xataka Smart Home • Xataka Windows • Xataka Ciencia • Applesfera • Genbeta • Magnet • Mundo Xiaomi • Videojuegos Consolas, juegos, PC, PS4, Switch, Nintendo 3DS y Xbox. • 3DJuegos • Vida Extra • Millenium • 3DJuegos PC • 3DJuegos Guías • Entretenimiento Series, cine, estrenos en cartelera, premios, rodajes, nuevas películas, televisión. • Sensacine • Espinof • Gastronomía Recetas, recetas de cocina fácil, pinchos, tapas, postres. • Directo al Paladar • Estilo de vida Moda, belleza, estilo, salud, fitness, familia, gastronomía, decoración, famosos.

• Vitónica • Trendencias • Trendencias Hombre • Decoesfera • Compradiccion • Poprosa • Latinoamérica Publicaciones de México. • Xataka México • Directo al Paladar México • Sensacine México • 3DJuegos LATAM • Aviso legal • Condiciones de uso • Condiciones de uso de cookies • Publicidad Inicio Reciente • La nueva prenda viral de Zara viene en forma de total look y está casi agotada en la tienda online • Estar guapa por dentro y por fuera: el Ballet Fit que practica Paula Echevarría, un Hotel para San Isidro en Madrid, un fichaje para el pelo y otros imprescindibles de la semana • Ni contigo ni sin ti: ese chico que aparece y desaparece, ¿te está haciendo breadcrumbing?

Por si te lo perdiste • Doce vestidos rebajados de High Spirits que son tendencia total esta primavera-verano • Cómo maquillarse como Kendall Jenner: una rutina para las amantes del maquillaje de aspecto natural Por si te lo perdiste • Siete vestidos de graduación largos que quedan de muerte con unas sandalias de tacón nude • Este vestido boho de Sfera al andrea duro puro estilo Sara Carbonero, rebajado en El Corte Inglés, es nuestro flechazo para este verano • 7 ejercicios para tonificar brazos en casa Por si te lo perdiste • Nueve blusas, camisas y tops muy sofisticados que las hijas de 30 desearemos pedir prestadas a nuestras madres de 50 • Con chaleco de Massimo Dutti o jersey calado de Zara: dos looks de Amelia Bono que queremos copiar • Qué ver en La Rioja: nueve planes para organizar una escapada top llena de naturaleza, pueblos y vino • Nueve champús de farmacia para cuero cabelludo con dermatitis Por si te lo perdiste • Siete looks vistos en el street style que demuestran que chaqueta vaquera sigue siendo imprescindible en primavera • La vajilla veraniega cargada de peces o cangrejos de la nueva colección en edición limitada de Zara Home es pura fantasía • Tengo perro y no sabía que podían multarme con tanto dinero por no tenerlo censado • Paula Echevarría nos sigue inspirando con sus perfectos looks de invitada que nos aseguran acertar de lleno • Zara Home tiene la pieza que necesitábamos en el salón: unas fundas para proteger el sofá sin perder estilo en Decoesfera • Siete posturas del kamasutra más fáciles con las que innovar Por si te andrea duro perdiste • La nueva colección cápsula cargada de cuadros vichy para madre e hija de Parfois es amor a primera vista • Seis capazos y bolsos rebajados de Women' Secret que dan rollazo tanto a nuestros looks de playa como de andrea duro Ver más artículos Webedia • Xataka • Vida Extra • Espinof • Genbeta • Directo al Paladar • Xataka Andrea duro • Trendencias • Applesfera • Xataka Móvil • Decoesfera • Vitónica • Xataka Foto • Trendencias Hombre • Xataka Android • Xataka Smart Home • Xataka Windows • Magnet • Andrea duro • 3DJuegos • Sensacine • Millenium • Poprosa • Mundo Xiaomi • 3DJuegos PC • 3DJuegos Guías Madonna col Bambino e un coro di cherubini Andrea Mantegna ( Isola di Carturo, 1431 – Mantova, 13 settembre 1506) è stato un pittore, incisore e miniaturista italiano, cittadino della Repubblica di Venezia.

Si formò nella bottega padovana dello Squarcione, dove maturò il gusto per la citazione archeologica; venne a contatto con le novità dei toscani di passaggio in città quali Filippo Lippi, Paolo Uccello, Andrea del Castagno e, soprattutto, Donatello, dai quali imparò una precisa applicazione della prospettiva. Mantegna si distinse infatti per la perfetta impaginazione spaziale, il gusto per il disegno nettamente delineato e per la forma monumentale delle figure.

Il contatto con le opere di Piero della Francesca, avvenuto a Ferrara, marcò ancora di più i suoi risultati sullo studio prospettico tanto andrea duro raggiungere livelli "illusionistici", che saranno tipici di tutta la pittura nord-italiana. Sempre a Ferrara, poté conoscere il patetismo delle opere di Rogier van der Weyden rintracciabile nella sua pittura devozionale; attraverso la conoscenza delle opere di Giovanni Bellini, di cui sposò la sorella Nicolosia, le forme dei suoi personaggi si addolcirono, senza perdere monumentalità, e vennero inserite in scenografie più ariose.

Costante in tutta la sua produzione fu il dialogo con la statuaria, sia coeva sia classica. Mantegna fu il primo grande "classicista" della pittura. La sua arte può essere definita un rilevante esempio di classicismo archeologico.

[3] Indice • 1 Biografia • 1.1 Origini • 1.2 Formazione a Padova • 1.3 L'indipendenza • 1.4 La Cappella Ovetari, prima fase • 1.5 A Ferrara • 1.6 La cappella Ovetari, seconda fase • 1.7 Polittico di San Luca • 1.8 La Pala di San Zeno • 1.9 Mantegna e Giovanni Bellini • 1.10 Verso Mantova • 1.11 Pittore di corte a Mantova • 1.12 La cappella del castello di San Giorgio • 1.13 La Camera degli Sposi • 1.14 Viaggi in Toscana • 1.15 Sotto Federico I Gonzaga • 1.16 Sotto Francesco II Gonzaga • 1.17 I Trionfi di Cesare • 1.18 Il soggiorno romano • 1.19 Anni novanta • 1.20 Madonna della Vittoria • 1.21 Pala Trivulzio • 1.22 Lo Studiolo di Isabella d'Este • 1.23 Le grisaglie • 1.24 La produzione estrema • 1.25 La morte • 2 Discendenza • 3 Arma • 4 Le fattezze di Mantegna • 5 Elenco delle opere • 5.1 Dipinti • 5.1.1 Formazione • 5.1.2 Sotto Ludovico III Gonzaga • 5.1.3 Sotto Federico I Gonzaga • 5.1.4 Per Francesco II e Isabella • 5.1.5 Ultimi anni • 5.1.6 Opere di attribuzione incerta • 5.2 Disegni • 5.2.1 Autografi • 5.2.2 Di attribuzione incerta • 5.3 Incisioni • 5.3.1 Autografe • 5.3.2 Di attribuzione incerta • 5.4 Scultura • 5.5 Tarocchi del Mantegna • 6 Note • andrea duro Bibliografia • 8 Voci correlate • 9 Altri progetti • 10 Collegamenti esterni Biografia [ modifica - modifica wikitesto ] Origini [ modifica - modifica wikitesto ] Andrea Mantegna nacque nel 1431 [4] da Biagio, falegname.

Luogo di nascita è Isola di Carturo (oggi denominata Isola Mantegna), un borgo nei pressi di Padova, ma che all'epoca era sotto il contado vicentino. Le poche notizie sulle sue origini le definiscono " d'umilissima stirpe". Da giovanissimo si sa che Andrea fece il guardiano di bestiame nella campagna attorno al suo paese [5].

Andrea duro a Padova [ modifica - modifica wikitesto ] San Marco andrea duro Giovanissimo, già nel 1441 è citato nei documenti padovani come apprendista e figlio adottivo dello Squarcione; verso il 1442 si iscrive alla fraglia padovana dei pittori, con l'appellativo di " fiiulo" (figlio) di Squarcione. Il trasferimento venne sicuramente facilitato dalla presenza in città di Tommaso Mantegna, fratello maggiore di Andrea, che aveva fatto una discreta fortuna come sarto, e abitava nella contrada Santa Lucia, dove visse anche Andrea [5].

Successivamente il pittore iniziò ad abitare presso la bottega di Squarcione, lavorando esclusivamente per il padre adottivo, che con l'espediente dell'"affiliazione" era solito garantirsi una manodopera fedele e a basso costo [6]. Secondo i contratti stipulati da Squarcione con i suoi allievi, nella sua bottega si impegnava a insegnare: costruzione prospettica, presentazione di modelli, composizione di personaggi e oggetti, proporzionamento della figura umana, e altro.

Probabilmente il suo metodo d'insegnamento consisteva nel far copiare frammenti antichi, disegni e quadri di varie parti d'Italia soprattutto toscani e romani, raccolti nella sua collezione, come dice il Vasari nella vita del Mantegna: «lo esercitò assai [a Mantegna] in cose di gesso formate da statue antiche, et in quadri di pitture, che in tela si fece venire di diversi luoghi, e particolarmente di Toscana e di Roma».

Di questa collezione non si sa niente, ma si può presumere che ne facessero parte medaglie, statuette, iscrizioni antiche, calchi in gesso e qualche pezzo di statue forse direttamente dalla Grecia (dove il maestro si era forse recato di persona negli anni venti), tutte opere frammentarie che venivano prese singolarmente per il loro vigore, decontestualizzandole e riaccostandole arbitrariamente.

A Padova Mantegna trovò inoltre un vivace clima umanistico e poté ricevere un'educazione classica, che arricchì con l'osservazione diretta di opere classiche, delle opere padovane di Donatello (in città dal 1443 al 1453) e la pratica del disegno con influssi fiorentini (tratto deciso e sicuro) e tedeschi (tendenza alla rappresentazione scultorea). La sensibilità verso il mondo classico e il gusto antiquario divennero presto una delle componenti fondamentali del suo linguaggio artistico, che si portò dietro durante tutta la carriera [5].

Nel 1447 visitò Venezia con lo Squarcione. L'indipendenza [ modifica - modifica wikitesto ] La permanenza di Mantegna presso la bottega dello Squarcione durò sei anni. Nel 1448 si liberò definitivamente della tutela del padre adottivo, intentando anche una causa contro di lui, per avere un risarcimento in denaro per le opere eseguite per conto del maestro.

In quello stesso anno si dedicò a una prima opera indipendente: la pala, andata distrutta nel XVII secolo, destinata all'altare maggiore della chiesa di Santa Sofia. Si trattava di una Madonna col Bambino in sacra conversazione tra santi, probabilmente ispirata all' altare della basilica del Santo di Donatello. Di quei primi anni ci è pervenuto un San Marco, firmato e datato 1448, e un San Girolamo, del quale restano anche alcuni studi su carta.

La Cappella Ovetari, prima fase [ modifica - modifica wikitesto ] Martirio di san Giacomo, cappella Ovetari Sempre del 1448 è la firma del contratto da parte del fratello Tommaso Mantegna, quale tutore di Andrea ancora "minorenne", per la decorazione della cappella della famiglia Ovetari nella chiesa degli Eremitani a Padova.

L'opera, in parte distrutta durante la seconda guerra mondiale, era affidata a un team eterogeneo di pittori, dove gradualmente spiccò la personalità di Mantegna, capace anche di affinare la propria tecnici.un certo Nicola lo aveva picchiato facendogli un pizzetta in faccia iniziò a dipingere dagli spicchi del catino absidale, dove lasciò tre figure di santi, ispirati a quelli di Andrea del Castagno nella chiesa andrea duro di San Zaccaria.

In seguito si dedicò probabilmente alla lunetta della parete sinistra, con la Andrea duro dei santi Giacomo e Giovanni e la Predica di san Giacomo, completati entro il 1450, per poi passare al registro mediano.

Nella lunetta la prospettiva mostrava ancora qualche incertezza, mentre nelle due scene sottostanti essa appare invece ormai ben dominata. Il punto di vista, centrale nel registro superiore, è più abbassato nelle scene sottostanti e unifica lo spazio dei due episodi, con il punto di fuga di entrambe le scene impostato sul pilastrino centrale dipinto. Aumentano nelle scene successive gli elementi tratti dall'antico, come il maestoso arco trionfale che occupa due terzi del Giudizio, a cui vanno aggiunti medaglioni, pilastri, rilievi figurati e iscrizioni in lettere capitali [7], derivati probabilmente dall'esempio degli album di disegni di Jacopo Bellini, il padre di Gentile e Giovanni.

Le armature, i costumi e le architetture classiche, a differenza dei pittori " squarcioneschi", non erano semplici decorazioni di sapore erudito, ma concorrevano a fornire una vera e propria ricostruzione storica degli eventi.

L'intenzione di ricreare la monumentalità del mondo antico arriva a dare alle figure umane una certa rigidità, che le faceva apparire come statue [8]. San Giacomo va andrea duro martirio. Cappella Ovetari nella chiesa degli Eremitani dopo il restauro ultimato in questi ultimi anni.

Nel 1449 sorsero i primi contrasti tra Mantegna e Nicolò Pizzolo, con il primo citato in giudizio dal secondo a andrea duro delle continue interferenze nell'esecuzione della pala della cappella. Ciò comportò una redistribuzione da parte dei committenti del lavoro tra gli artisti.

Probabilmente per questi contrasti Mantegna sospese il suo lavoro e visitò Ferrara. In ogni caso il cantiere si arrestò nel 1451 per mancanza di fondi. A Ferrara [ andrea duro - modifica wikitesto ] L'impegno nella cappella Ovetari non impediva al pittore di accettare anche altri incarichi, così nel maggio 1449, approfittando di una fase di stallo, si recò a Ferrara, al servizio di Leonello d'Este. Qui realizzò un'opera perduta consistente in un doppio ritratto, magari un dittico, raffigurante da un lato Leonello e dall'altro il suo camerlengo Folco di Villafora.

Non è certo quanto tempo il pittore si trattenne alla corte ferrarese, comunque andrea duro indiscusso che qui ebbe modo di vedere i dipinti di Piero della Francesca e dei fiamminghi che il duca collezionava. Forse incontrò lo stesso Rogier van der Weyden, che lo stesso anno si trovava in Italia, andrea duro anche nella corte estense. Nel 1450- 1451 Mantegna tornò a Ferrara, al servizio di Borso d'Este, per il quale dipinse un' Adorazione dei pastori, dove si coglie già una maggiore attenzione alla resa naturalistica della realtà derivata dall'esempio fiammingo.

La cappella Ovetari, seconda fase [ modifica - modifica wikitesto ] Assunzione della Vergine (dettaglio) Il 21 luglio 1452 Mantegna terminò a Padova la lunetta per il portale maggiore andrea duro basilica del Santo con il Monogramma di Cristo tra i santi Antonio di Padova e Bernardino, oggi conservata al Museo antoniano. In quest'opera sperimentò per la prima volta gli scorci da sott'in su che applicò poi nei restanti affreschi agli Eremitani.

I lavori alla andrea duro Ovetari furono ripresi nel novembre 1453 e conclusi nel 1457. In questa seconda fase fu protagonista solo Mantegna, anche per la morte di Nicolò Pizzolo (1453), che completò le Storie di san Giacomo, affrescò la parete centrale con l' Assunzione della Vergine e infine si dedicò al completamento del registro inferiore delle Storie di san Cristoforo, iniziate da Bono andrea duro Ferrara e da Ansuino andrea duro Forlì, dove realizzò due scene unificate: il Martirio e trasporto del corpo decapitato di san Cristoforo, le più ambiziose dell'intero ciclo [9].

Discusso risulta il rapporto con Ansuino, che, se per alcuni sarebbe stato influenzato dal Mantegna, per altri ne sarebbe stato piuttosto un precursore [10]. Nel 1457 Imperatrice Ovetari intentò una causa contro Mantegna poiché nell'affresco dell' Assunzione aveva dipinto solo otto apostoli invece di dodici. Vennero chiamati a dare un parere i pittori Pietro da Milano e Giovanni Storlato che giustificarono la scelta di Mantegna per la mancanza di spazio.

Più sciolto rispetto alle Storie di san Giacomo appare l'episodio del Martirio di san Cristoforo, immediatamente successivo, dove le architetture hanno già acquistato quel tratto illusionistico che fu una delle caratteristiche base di andrea duro la produzione di Mantegna.

Nella parete sembra infatti aprirsi una loggia, dove è ambientata la scena di martirio, con un'impostazione più ariosa ed edifici tratti non solo dal mondo classico. Le figure, tratte anche dall'osservazione quotidiana, sono più sciolte e psicologicamente individuate, con forme più morbide, che suggeriscono l'influenza della pittura veneziana, in particolare di Giovanni Bellini, del quale dopotutto Mantegna sposò la sorella Nicolosia nel 1454 [8].

Polittico di San Luca [ modifica - modifica wikitesto ] Polittico di San Luca Lo stesso argomento in dettaglio: Polittico di San Luca. Durante i nove anni del lavoro alla Cappella Ovetari si andò delineando lo stile inconfondibile di Mantegna, rendendolo immediatamente celebre e facendone uno degli artisti più apprezzati della sua epoca.

Nonostante l'impegno agli Eremitani, in quegli anni Mantegna sottintese anche ad altre commissioni, anche di notevole impegno. Del 1453- 1454 è il Polittico di San Luca per la andrea duro di San Luca nella basilica di Santa Giustina a Padova, ora alla pinacoteca di Brera.

Il polittico è composto da dodici scomparti organizzati su due registri. Nella pala si trovano fusi elementi arcaici, come il fondo andrea duro e le diverse proporzioni tra le figure, ed elementi innovativi, come l'unificazione spaziale prospettica nel gradino in marmi policromi che fa da base ai santi del registro inferiore e la veduta scorciata dal basso dei personaggi del registro superiore, estremamente solidi e monumentali, che con la cornice originale (perduta) dovevano dare l'idea di affacciarsi da una loggia ad arcate, posta in alto rispetto al punto di vista dello spettatore.

Andrea duro figure hanno contorni nitidi, evidenziati dalla brillantezza quasi metallica dei colori. Sempre del 1454 è la tavola con Sant'Eufemia al museo di Capodimonte di Andrea duro. Il dipinto ha un'impostazione simile all' Assunzione della Vergine alla cappella Ovetari, con la santa di monumentale figura, data dalla visione scorciata dal basso, e inquadrata in un arco di saldo rigore prospettico, con festoni di derivazione squarcionesca.

Al 1455- 1460 viene poi fatto risalire il Bambino benedicente di Washington. La Pala di San Zeno [ modifica - modifica wikitesto ] Pala di San Zeno Lo stesso argomento in dettaglio: Pala di San Zeno. La Pala di San Zeno per il coro della chiesa di San Zeno a Verona venne commissionata da Gregorio Correr, abate della chiesa, nel 1456 e realizzata tra il 1457 e 1459. Si tratta della prima pala pienamente rinascimentale dipinta in Italia settentrionale, da dove nacque una feconda scuola di pittori veronesi: uno fra i numerosi pregevoli esempi fu Girolamo dai Libri.

[11] La cornice solo in apparenza divide la pala in un trittico: in realtà la cornice reale viene infatti illusivamente continuata dal portico, delimitato da colonne, in cui è racchiusa la Sacra Conversazione; Mantegna fece anche aprire una finestra nella chiesa che illuminava la pala da destra in modo da far coincidere l'illuminazione reale con quella dipinta.

Le architetture hanno infatti acquistato quel tratto illusionistico che fu una delle caratteristiche base di tutta la produzione di Mantegna. Il punto di vista ribassato intensifica la monumentalità delle figure e accresce il coinvolgimento dello spettatore, che viene chiamato in causa anche dallo sguardo diretto di san Pietro.

Le figure, con pose tratte anche dall'osservazione quotidiana, sono più sciolte e psicologicamente individuate, con forme più morbide, che suggeriscono l'influenza della pittura veneziana, andrea duro particolare di Giovanni Bellini.

Nel disegno prospettico della sacra conversazione il punto di fuga è alla base del pannello centrale, tra i due angioli musicanti. Della predella fanno parte le tre scene con Orazione nell'orto e Resurrezione (conservate a Tours) e Crocifissione (conservata al Louvre). Mantegna e Giovanni Bellini [ modifica - modifica wikitesto ] La Presentazione al Tempio di Giovanni Bellini Fin dagli esordi nella bottega di Squarcione, Mantegna ebbe ripetuti contatti con la bottega veneziana di Jacopo Bellini, tra gli ultimi esponenti della cultura tardogotica andrea duro proprio in quegli anni andava perseguendo un aggiornamento in senso rinascimentale iniziando a usare la prospettiva e che condivideva con Andrea il gusto per la citazione archeologica.

Valutando le grandi potenzialità del giovane padovano, il Bellini maturò la decisione di dargli in sposa la sua unica figlia Nicolosia nel 1453. Da allora i rapporti tra Mantegna e i pittori veneziani si fecero più stretti, in particolar modo con il cognato coetaneo Giovanni Bellini.

Il dialogo tra i due, particolarmente intenso durante gli anni cinquanta, si esplicò nell'ammirazione e nel desiderio di emulazione del Bellini, che imparò dal cognato la lezione di Donatello e ripropose spesso opere derivate dalle sue (come l' Orazione nell'orto o la Presentazione al Tempio).

Lo stesso Mantegna mutuò dal Bellini una maggiore scioltezza e individuazione psicologica per i personaggi, oltre a una più fluida fusione di colore e luce. Quando Giovanni raggiunse la piena consapevolezza delle sue doti artistiche, le influenze di Mantegna si stemperarono gradualmente (così come quelle del padre e del fratello Gentile).

Verso Mantova [ modifica - modifica wikitesto ] Al 1456 risale la prima lettera di Ludovico Gonzaga che richiedeva Andrea come pittore di corte, dopo la partenza di Pisanello, forse il precedente incaricato.

Il Gonzaga era il tipico principe umanista e condottiero, educato nell'infanzia da Vittorino da Feltre, che lo aveva avvicinato alla storia romana, alla poesia, alla matematica e all' astrologia. Non stupisce perciò l'insistenza del marchese nel richiedere i servigi di Mantegna, che all'epoca era l'artista che maggiormente cercava di far rivivere il mondo classico nelle sue opere.

Il programma di rinnovamento promosso dal Gonzaga aveva una portata più ampia e coinvolse in quegli stessi anni anche altri artisti, quali Leon Battista Alberti e Luca Fancelli. Mantova, Casa del Mantegna, dono di Ludovico III Gonzaga del 1476 Nel 1457 il marchese invitò ufficialmente Andrea a trasferirsi a Mantova e il pittore si dichiarò interessato, anche se gli impegni già presi a Padova (come la Pala di San Zeno e altre opere) fecero rimandare di altri tre anni la sua partenza.

Probabilmente c'erano anche ragioni personali nel ritardo: egli doveva ben sapere che trasferendosi andrea duro corte la sua vita di uomo e di artista sarebbe cambiata radicalmente, garantendogli sì una tranquillità economica e una stabilità notevoli, ma privandolo anche della sua libertà e allontanandolo da quel vivace ambiente dei nobili e degli umanisti padovani, nel quale era così apprezzato. Tra il 1457 e il 1459 eseguì il San Sebastiano, ora conservato a Vienna, che Roberto Longhi, sottolineando la raffinata calligrafia, datava al 1470 circa.

Nel 1458 Mantegna e alcuni aiuti risultavano intenti ad affrescare le residenze ducali di Cavriana e di Goito, a cui seguirono alcuni anni andrea duro un ciclo omerico nel palazzo di Revere ( 1463- 1464).

Di questi cicli non resta niente. Alcuni ne hanno ravvisato un'eco nelle incisioni del maestro o della sua cerchia, andrea duro i due Baccanali ( Baccanale con sileno a Chatsworth, collezioni del duca di Devonshire e Chatsworth, e Baccanale con un tino a New York, Metropolitan Museum of Art) e la Zuffa di dei marini, sempre a Chatsworth. Pittore di corte a Mantova [ modifica - modifica wikitesto ] Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan Nel 1460 Mantegna si trasferì con tutta la famiglia a Mantova come pittore ufficiale di corte, ma anche come consigliere artistico e curatore delle raccolte d'arte.

Qui ottenne uno stipendio fisso, un alloggio e l'onore di uno stemma araldico con il motto " par un désir", vivendo alla corte dei Gonzaga fino alla morte. Tra le prime opere a cui l'artista mise mano ci fu una serie di ritratti, produzione tipica dei pittori di corte, commissionati sia dal marchese sia da una serie di nobili e andrea duro in stretto rapporto con la corte.

Spiccano il Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan (1459-1460) e il Ritratto di Francesco Gonzaga (1461 circa). La cappella del castello di San Giorgio [ modifica - modifica wikitesto ] Morte della Vergine Il primo incarico ufficiale che Ludovico III Gonzaga andrea duro a Mantegna, prima ancora del suo trasferimento definitivo, fu quello di decorare la cappella del castello di San Giorgio.

Si trattava della cappella privata nel castello trecentesco che il marchese aveva eletto a sua residenza e che oggi è un'ala di Palazzo Ducale. I lavori architettonici alla cappella erano iniziati nel 1459, nell'ambito di un progetto autocelebrativo per il concilio di Mantova (27 maggio 1459-19 gennaio 1460), ed erano stati compiuti secondo una consulenza del Mantegna stesso, come risulta da una lettera del marchese al Mantegna, datata 4 maggio 1459.

Il piccolo ambiente, rifatto e ridecorato nel XVI secolo quando le sue decorazioni erano ormai disperse, era coperto da una cupoletta con lanterna, dove si aprivano alcune finestre.

Per quanto riguarda la decorazione pittorica, Mantegna dipinse andrea duro grande pala, la Morte della Vergine, ora al Prado, che aveva una forma allungata, dotata originariamente di una parte superiore, segata in epoca imprecisata, del quale è stata riconosciuta come facente parte della cuspide la tavoletta di Cristo con l'animula della Madonna ( Ferrara, Pinacoteca nazionale). Di grande illusionismo è la presenza della veduta dipinta del lago del Mincio e del ponte di San Giorgio, che realmente era visibile dalle finestre del castello, e che Mantegna inserì in seguito anche nella Camera degli Sposi.

Sempre della stessa decorazione fanno forse parte le tre tavole del trittico degli Uffizi ( Ascensione, Adorazione dei Magi e Circoncisione), associate arbitrariamente in un'unica opera nel XIX secolo. Potrebbe però trattarsi anche di un'opera realizzata tra il 1466 e il 1467 durante due soggiorni a Firenze.

Inoltre rimandano forse al quel progetto decorativo le tre incisioni con la Deposizione dalla croce, la Deposizione nel sepolcro e la Discesa al Limbo. Il 23 e 24 settembre del 1464 Andrea Mantegna, il pittore Samuele da Tradate, Felice Feliciano, copista e antiquario, e Giovanni Marcanova, ingegnere idraulico, compirono una gita andrea duro barca sul lago di Garda.

[12] Si trattava di una vera e propria spedizione archeologica alla ricerca di epigrafi antiche, che ben documenta andrea duro passione per il collezionismo di antichità di Mantegna e del gruppo andrea duro umanisti a lui vicino.

andrea duro

Essi cercarono anche di emulare ritualmente il mondo classico: coronati di ghirlande di mirto ed edera, cantarono accompagnati dal liuto e invocarono la memoria di Marco Aurelio, che era rappresentato dall' imperator Samuele, mentre Andrea e Giovanni erano i consules. Alla fine della gita visitarono il tempio della Beata Vergine a Garda, a cui resero grazie.

La Camera degli Sposi [ modifica - modifica wikitesto ] Soffitto della Camera degli Sposi, Mantova Lo stesso argomento in dettaglio: Camera degli Sposi. Nel 1465 Mantegna iniziò una delle sue imprese decorative più complesse, alla quale è legata la sua fama. Si tratta della cosiddetta Camera degli Sposi, chiamata nei resoconti dell'epoca "Camera Picta", cioè "camera dipinta", terminata nel 1474.

L'ambiente di dimensioni medio-piccole occupa il primo piano della torre nord-orientale del castello di San Giorgio e aveva la duplice funzione di sala delle udienze (dove il marchese trattava affari pubblici) e camera da letto di rappresentanza, dove Ludovico si riuniva coi familiari.

Mantegna studiò una decorazione ad affresco che investiva tutte le pareti e le volte del soffitto, adeguandosi ai limiti architettonici dell'ambiente, ma al tempo stesso sfondando illusionisticamente le pareti con la pittura, che crea uno spazio dilatato ben oltre i limiti fisici della stanza. Motivo di raccordo tra le scene sulle pareti è il finto zoccolo marmoreo che gira tutt'intorno nella fascia inferiore, sul quale poggiano i pilastri che suddividono le scene.

Alcuni tendaggi di broccato affrescati svelano le scene principali, che sembrano svolgersi oltre un loggiato. La volta è affrescata come se fosse sferoidale e presenta centralmente un oculo, da cui si sporgono fanciulle, putti, un pavone e un vaso, stagliati andrea duro cielo azzurro. Il tema generale è una straordinaria celebrazione politico-dinastica dell'intera famiglia Gonzaga, con l'occasione della celebrazione dell'elezione a cardinale di Francesco Gonzaga. Sulla parete nord è ritratto il momento in cui Ludovico riceve la notizia dell'elezione: grande è l'attenzione ai particolari, alla verosimiglianza, all'esaltazione del lusso della corte.

Sulla parete ovest è rappresentato l'incontro, avvenuto nei pressi della città di Bozzolo, tra il marchese e il figlio cardinale; la scena ha una certa fissità, determinata dalla staticità dei personaggi ritratti di profilo o di tre quarti per enfatizzare l'importanza del momento; sullo sfondo è presente una Roma idealizzata, come augurio per il cardinale.

Come premi per l'esecuzione dell'opera, Ludovico Gonzaga nel 1476 donò al maestro il terreno sul quale egli edificò la propria casa, conosciuta ancora oggi come Casa del Mantegna. Un importante ciclo di affreschi attribuiti a Mantegna è stato rinvenuto durante il restauro della Casa del mercato. [13] Viaggi in Toscana [ modifica - modifica wikitesto ] Durante i lunghi lavori alla Camera degli Sposi, condotti con particolare lentezza, come ha dimostrato anche il restauro del 1984- 1987, Mantegna lavorò forse anche ad altre opere, ma la loro consistenza e individuazione è particolarmente difficoltosa, per la mancanza di documentazione.

Andrea duro sa che nel 1466 Mantegna fu a Firenze e a Siena e che nel 1467 tornò di nuovo in Toscana. L'unica opera riferita a questi viaggi è forse il Ritratto di Carlo de' Medici, che alcuni però ipotizzano risalente al Concilio di Mantova. Sotto Federico I Gonzaga [ modifica - modifica wikitesto ] Cristo morto, Milano, Pinacoteca di Brera Nel giugno 1478 il marchese Ludovico scompariva e gli succedeva il figlio Federico, che avrebbe regnato per sei anni.

Mantegna, sebbene spesso angustiato da ristrettezze economiche, era ben consapevole del rango di rilievo che occupava a corte ed era desideroso di un riconoscimento pubblico della sua fama, ricercando con caparbietà un titolo. Nel 1469 l'imperatore Federico III si trovava a Ferrara, dove Mantegna si recò personalmente per essere insignito come conte palatino.

Non è chiaro se ottenne o meno quello che desiderava, perché usò tale titolo solo dopo il soggiorno romano. Le gratificazioni maggiori però le ottenne dai marchesi suoi benefattori. Nel 1484 ottenne il prestigioso titolo di cavaliere. A pochi anni dopo l'impresa di Mantova risale forse la decorazione della residenza marchionale di Bondanello (forse nel 1478), dove vennero affrescate due sale, completamente perdute con la distruzione dell'edificio nel XVIII secolo.

Indizi archiviali hanno fatto pensare che potesse essere legata a questa impresa l'incisione con la Zuffa di dei marini. In questo periodo l'attività di Mantegna fu densa di incombenze derivanti dal servizio di corte (miniature, arazzi, oreficerie e cassoni, che spesso erano creati su suo disegno), a cui vanno aggiunte le decorazioni derivanti dalla smania edilizia dei Gonzaga, dove il maestro doveva sorvegliare numerose maestranze. Tra i pochi dipinti pervenutici di questo periodo, alcuni collocano il celebre Cristo andrea duro (Milano, Pinacoteca di Brera), le cui datazioni proposte oscillano però nel complesso tra la fine del periodo padovano e il 1501 e poi, quindi un periodo amplissimo.

L'intelaiatura prospettica del corpo di Cristo visto andrea duro un ripido scorcio è celebre, anche per l'illusione che il redentore "segua" lo spettatore in ogni spostamento, secondo un criterio illusivo che è affine andrea duro quello dell' Oculo nella Camera degli Sposi e che eclissa quasi, con il suo carattere strabiliante, gli altri valori espressivi dell'opera.

andrea duro

Nel 1480 circa realizzò il San Sebastiano, ora conservato al Louvre, in occasione probabilmente del matrimonio, svoltosi l'anno successivo, tra Chiara Gonzaga e Gilberto di Borbone-Montpensier e destinato alla chiesa d' Aigueperse en Auvergne, dove arrivò nel 1481. Un esempio di come Mantegna fosse stimato e richiesto dai grandi del suo tempo è testimoniato dai rapporti con Lorenzo il Magnifico, signore de facto di Firenze. Nel 1481 Andrea gli mandò un dipinto e nel 1483 Lorenzo visitò il suo studio, ammirandone le opere, ma anche la personale collezione di busti e oggetti antichi.

Sotto Francesco II Gonzaga [ modifica andrea duro modifica wikitesto ] Il marchesato di Federico Gonzaga fu relativamente breve e a lui successe il figlio diciottenne Francesco, al potere fino al 1519. Il giovane erede, a differenza dei suoi predecessori, non aveva tra i suoi primari interessi l'arte e la letteratura, preferendo piuttosto portare avanti la tradizione militare della famiglia, diventando un noto condottiero.

Tra i suoi passatempi preferiti c'erano le giostre e i tornei, oltre che la tenuta di scuderie celebri per i suoi cavalli. Francesco fu comunque tutt'altro che estraneo al mecenatismo, continuando l'opera dei suoi predecessori in quanto a creazione di nuove architetture e realizzazioni di grandi cicli decorativi, anche se maggiore era il legame di queste commissioni con le sue imprese militari, tanto che il poeta ferrarese Ercole Strozzi lo definì il "nuovo Cesare".

In questo clima venne avviata da Mantegna la realizzazione dei Trionfi, una delle opere più celebrate del tempo, che occupò l'artista dal 1485 circa fino alla morte.

I Trionfi di Cesare [ modifica - modifica wikitesto ] Trionfi di Cesare, prima tela, Trombettieri e portatori di insegne L'ambizioso progetto dei Trionfi di Cesare, nove tele monumentali che ricreavano la pittura trionfale dell'Antica Roma, oggi conservate nel Palazzo Reale di Hampton Court a Londra, venne iniziato verso il 1485, ancora in lavorazione nel 1492, reso pubblico in parte nel 1501 e concluso entro il 1505.

Di un decimo "Trionfo" denominato i Senatori esiste solo una stampa derivata dal cartone preparatorio. Ispirandosi a andrea duro antiche e moderne e alle rare raffigurazioni su sarcofagi e rilievi vari, Mantegna ricreò la processione trionfale, che in origine doveva apparire, tramite apposite cornici, come un'unica lunga scena che veniva vista come attraverso un loggiato. Il risultato fu un'eroica esaltazione di un mondo perduto, con una solennità non minore di quella andrea duro Camera degli Sposi, ma più mossa, avvincente e attuale [14].

Dopo la morte del maestro, Francesco II destinò le tele a una lunga galleria del palazzo San Sebastiano, che si era appena fatto costruire, usando probabilmente una serie di pilastrini intagliati e dorati per incorniciarle, dei quali restano alcuni esemplari a palazzo Ducale. Il ciclo divenne subito uno dei tesori più ammirati della città gonzaghesca, celebrato da ambasciatori e visitatori di passaggio.

Nel 1626 sette delle tele erano state spostate a palazzo Ducale, con due di Lorenzo Costa. Vasari li vide e li descrisse come "la miglior cosa che [Mantegna] lavorasse mai". Il soggiorno romano [ modifica - modifica wikitesto ] Cristo in pietà sorretto da due angeli Nel 1487 papa Innocenzo VIII scrisse a Francesco Gonzaga pregandolo di inviare Mantegna a Roma, poiché intendeva affidargli la decorazione della cappella del nuovo edificio del Belvedere in Vaticano.

Il maestro partì nel 1488, con una presentazione del marchese datata 10 giugno 1488. Poco prima di lasciare Mantova Andrea fornì forse le indicazioni e i disegni per quattro tondi ad affresco ( Ascensione, Santi Andrea e Longino - datato 1488 - Deposizione e Sacra Famiglia coi santi Elisabetta e Giovannino) destinati all'atrio della chiesa di Sant'Andrea, ritrovati in cattivo stato nel 1915 sotto un intonaco di epoca neoclassica che li replicava.

Dopo il restauro del 1961 l' Ascensione venne attribuita a Mantegna e gli altri alla sua cerchia o al Correggio. La critica più recente però ha accettato come del maestro la sola sinopia andrea duro Ascensione. Il 31 gennaio 1489 Mantegna era a Roma e scriveva al marchese di Mantova per raccomandarsi sulla conservazione dei Trionfi di Cesare, mentre in un'altra lettera dello stesso anno, datata 15 giugno, il maestro descrisse i lavori in corso, che riguardavano una perduta cappella [15], aggiungendo, per divertire Sua Eccellenza, notizie amene sulla corte romana, con un'allegria che contrasta con l'immagine tradizionale dell'uomo avvolto da un'aura di accigliata classicità.

Il Mantegna, andrea duro a condurre una vita agiata e a ricevere doni e onorificenze, mal sopportava il trattamento spartano ricevuto in Vaticano, che nel andrea duro dei due anni lo risarcì solo delle spese sostenute. Le vecchie descrizioni della cappella, che conteneva le Storie di Giovanni Battista e dell'infanzia di Cristo, ricordano le vedute andrea duro di città e villaggi, i finti marmi e la finta intelaiatura architettonica, con cupoletta, festoni, putti, cherubini, allegorie di Virtù, figure isolate di santi, un ritratto del papa committente e una targa dedicatoria datata 1490.

Vasari scrisse che le quelle pitture "paiono una cosa miniata". A Vasari risale anche l'attribuzione al periodo romano della Madonna delle Cave, oggi agli Uffizi, dove il passaggio tra la luce e l'ombra, rispettivamente nei passaggi a destra e a sinistra delle figure centrali, è stato interpretato come un' andrea duro della Redenzione. Spesso associata a questa tavola è anche il Cristo in pietà sorretto da due angeli di Copenaghen per la presenza pure di cavatori nello sfondo; altri l'attribuiscono al periodo immediatamente successivo ( 1490- 1500).

Nel 1490 l'artista tornò a Mantova. Controverso fu il rapporto di Mantegna con le antichità della città andrea duro nonostante fosse il pittore che più di ogni altro aveva dimostrato interesse verso il mondo classico, le rovine della Roma antica sembrano lasciarlo indifferente; non ne parla nelle sue lettere e non compaiono nella sua produzione pittorica successiva. Anni novanta [ modifica - modifica wikitesto ] Pala Trivulzio Tornato a Mantova l'artista si dedicò innanzitutto alla continuazione della serie dei Trionfi.

andrea duro

Nonostante la vastità e l'ambizione dell'opera, Mantegna lavorò duro a molte altre commissioni e le numerose lettere di sollecito ricevute da committenti e mecenati sono una testimonianza delle richieste ottenute, ben oltre andrea duro sue possibilità. Sotto la sua guida, tra il 1491 e il 1494, vari pittori affrescarono nella residenza marchionale di Marmirolo (pure distrutta), alcune sale, dette "dei Cavalli", "del Mappamondo", "delle Città" e "Greca".

In quest'ultima si trovavano vedute di Costantinopoli e altre città levantine, con interni di moschee, bagni e altre turcherie varie. Sempre a Marmirolo si trovava poi una perduta serie di altri Trionfi, forse quelli di Petrarca o più probabilmente di Alessandro Magno.

Queste opere, trasportate a Mantova nel 1506 per fare da sfondo a uno spettacolo, sono state talvolta confuse con i Trionfi di Cesare, complicando ulteriormente l'aggrovigliata ricostruzione storica delle tele oggi a Londra.

Al 1490- 1500 risalgono forse i monocromi a soggetto biblico, custoditi al Museo di Cincinnati, alla National Gallery of Ireland di Dublino, a Vienna, al Louvre e alla National Gallery di Londra. In questi anni sono raggruppate dagli storici una serie di opere accomunate da affinità tecniche, come la sottile stesura della tempera che lascia trasparire la grana della tela.

Tra le Madonne col Bambino, la più antica è forse la Madonna Poldi Pezzoli, affine alla Madonna Butler ( New York, Metropolitan Museum of Art) e alla Madonna dell' Accademia Carrara.

Madonna della Vittoria [ modifica - modifica wikitesto ] Per la vittoria di Francesco II nella battaglia di Fornovo ( 1495), che cacciò temporaneamente i francesi dall'Italia, venne commissionata a Mantegna la grande pala detta Madonna della Vittoria come ex voto, terminata nel 1496 e destinata alla chiesa di Santa Maria della Vittoria appositamente eretta.

Il dipinto venne fatto pagare a un ebreo mantovano, Daniele andrea duro Norsa, colpevole di aver rimosso dalla facciata della sua casa un'immagine della Vergine, per sostituirla con il suo stemma. Il marchese stesso venne rappresentato in ginocchio ai piedi del trono della Vergine, mentre sorride e ne ricevere la benedizione. La pala, oggi al Louvre, è caratterizzata da un'esuberanza decorativa che ricorda le opere del andrea duro padovano e del primo periodo mantovano, con una profusione di marmi, cornici, festoni di frutta, fili di vetro e corallo, uccelli e finti bassorilievi.

La Madonna della Vittoria ha affinità con alcuni gruppi di Sacre famiglie, tipici della produzione di questo periodo, come quello al Kimbell Art Museum e quello al Metropolitan Museum of Art. Pala Trivulzio [ modifica - modifica wikitesto ] L'altra grande opera di questo periodo è la Pala Trivulzio ( 1497), già destinata all'altare maggiore della chiesa di Santa Maria in Organo a Verona e oggi nella Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano.

Lo Studiolo di Isabella d'Este [ andrea duro - modifica wikitesto ] Lo stesso argomento in dettaglio: Studiolo di Isabella d'Este. Il Trionfo della Virtù Isabella d'Este, unanimemente considerata come una delle donne più colte del Rinascimento, arrivò a Mantova come sposa di Francesco Gonzaga nel 1490.

Portò con sé un seguito di artisti ferraresi dalla sua città natale, e Mantegna si preoccupò subito di conquistare i favori della giovane marchesa, facendosi raccomandare dal suo precettore Battista Guarino. Isabella, che a Mantova approfondì i propri interessi culturali e resse anche lo Stato quando il marito si trovava in guerra, ebbe un andrea duro per alcuni versi controverso con Mantegna.

Pur mostrando di apprezzarne le doti, essa riteneva che non fosse sufficientemente bravo nei ritratti, cercando in questo di avvalersi di altri artisti, come ad esempio Leonardo da Vinci. L'infaticabile e incontentabile attività di Isabella come collezionista di opere d'arte, gemme, statue e oggetti di pregio, che tramite i suoi agenti cercava in tutta Europa, culminò nella creazione di uno studiolo nel castello di San Giorgio, un ambiente privato ispirato a quelli di Urbino e di Gubbio, che aveva avuto modo di vedere in compagnia dell'affezionata cognata Elisabetta Gonzaga, maritata Montefeltro.

Per impreziosire questo ambiente, l'unico del genere appartenente a una donna, commissionò varie opere d'arte a tema mitologico, allegorico ed erudito, avvalendosi spesso proprio di Mantegna. Nelle due tele del Parnaso ( 1497) e del cosiddetto Trionfo della Virtù ( 1499- 1502) l'artista sperimentò composizioni ricche di personaggi, con complesse letture allegoriche. una terza tela Isabella d'Este nel regno di Armonia venne disegnato da Mantegna e completato, a causa della sua morte, da Lorenzo Costa.

In queste opere pesa il soggetto vincolante deciso dai consiglieri della marchesa, come Paride da Ceresara, che misero in difficoltà altri artisti chiamati da Isabella come il Perugino, la cui opera non venne considerata soddisfacente, e Giovanni Bellini, che arrivò a declinare l'incarico. Per venire incontro ai gusti della marchesa, Mantegna aggiornò il proprio stile, aderendo a un certo colorismo che allora dominava la scena artistica in Italia, e ammorbidendo alcuni tratti della sua arte, con pose più elaborate delle figure, dinamismo e complicati scorci paesaggistici.

Le grisaglie [ modifica - modifica wikitesto ] Dal 1495 circa Mantegna avviò una prolifica produzione di dipinti di soggetto biblico a grisaglia, cioè imitanti la scultura monocromatica. Si confrontò probabilmente anche alla produzione di scultori come i Lombardo o l'Antico.

Alcuni hanno attribuito a Mantegna un affresco di alcuni stemmi, circondati da satiri, delfini e teste d'ariete a grisaille, su sfondo in finto marmo, che presentano la data in lettere romane 1504. Scoperto a Feltre durante lavori di restauro nell'antico Vescovado nel 2006, fu dipinto per il santo e vescovo locale Antonio Pizzamano [16]. La produzione estrema [ modifica - modifica wikitesto ] Battesimo di Cristo La produzione estrema di Mantegna è quella del 1505- 1506, legata a opere dal sapore amaro e malinconico, accomunate da uno stile diverso, legato a toni bruni e un innovativo uso della luce e del movimento.

Sono attribuite a questa fase le due tele destinate alla sua cappella di sepoltura nella basilica di Sant'Andrea, il Battesimo di Cristo e la Sacra Famiglia con la famiglia di Giovanni Battista, e l'amaro San Sebastiano, dove un cartiglio riflette sulla caducità della vita. La morte [ modifica - modifica wikitesto ] Lo stesso argomento in dettaglio: Cappella funeraria di Andrea Mantegna.

Il 13 settembre 1506 Andrea Mantegna morì a 75 anni. L'ultimo periodo della sua vita fu andrea duro da difficoltà economiche pressanti e da una visione sempre più malinconica del suo ruolo di artista, andrea duro scalzato dalle nuove generazioni che proponevano un classicismo più morbido e accattivante [17].

La scomparsa del maestro generò molti attestati di stima e rincrescimento, tra cui resta quello di Albrecht Dürer, che dichiarò di aver provato "il più grande dolore della sua vita".

Il maestro tedesco era infatti a Venezia e aveva in programma un viaggio a Mantova proprio per conoscere il tanto stimato collega [17].

L'ammirazione per la sua figura non si tradusse andrea duro, in generale, in un seguito artistico, essendo la sua arte austera e vigorosa ormai considerata sorpassata dalle incalzanti novità dell'inizio del secolo, ritenute più adatte a esprimere i moti dell'anima in quell'epoca [17].

Forse l'unico, grande maestro a seguire echi di Mantegna nell'illusionismo poderoso delle pitture fu Correggio, che operò in gioventù proprio a Mantova decorando la cappella funebre dell'artista in Sant'Andrea. Discendenza [ modifica - modifica wikitesto ] Mantegna sposò Nicolosia Bellini, figlia del andrea duro pittore Jacopo Bellini e sorella dei pittori Gentile e Giovanni. [18] Dopo la morte della andrea duro moglie, si risposò con una donna della famiglia Nuvolosi.

[19] Andrea Mantegna ebbe numerosi figli: [20] • Federico, morto giovane; • Gerolamo, avviato sulle orme del padre, morì anch'egli giovane; • Ludovico (1460/70-1510), pittore, sposò Lebera Montagna; • Francesco (1460-1517 circa), pittore, operò a Mantova e decorò parzialmente la cappella funeraria del andrea duro • Bernardino (1490-1528), pittore [21] • Taddea; • Laura. Ebbe inoltre un figlio naturale, Giovanni Andrea (?-1493), anch'egli pittore.

Arma [ modifica - modifica wikitesto ] Stemma di Andrea Mantegna Blasonatura Semipartito troncato: nel primo d'azzurro ad una corona a cinque punte d'oro attraversata da due fronde di verde, poste in croce di Sant'Andrea; nel secondo d'argento ad un sole di rosso con un cartiglio svolazzante tra i raggi caricato del motto "par un desir"; nel terzo fasciato d'oro e di nero di quattro pezzi.

Lo stemma araldico concesso ad Andrea Mantegna dal marchese di Mantova Ludovico Gonzaga si blasona: Spaccato: nel I d'argento ad un sole meridiano (posto nel capo) radiato d'oro con cartiglio (o nastro) svolazzante tra i raggi (bianco) caricato andrea duro motto par un desir; nel II fasciato d'oro e di nero di quattro pezzi.

andrea duro

Oppure: Semipartito troncato: andrea duro primo d'azzurro ad una corona a cinque punte d'oro attraversata da due fronde di verde, poste in croce di Sant'Andrea; nel secondo d'argento ad un sole di rosso con un cartiglio svolazzante tra i raggi caricato del motto "par un desir"; nel terzo fasciato d'oro e di nero di quattro pezzi.

Il fasciato d'oro e di nero che costituisce la parte inferiore dello stemma trae origine dall'insegna che Luigi Gonzaga, innalzò nel 1328 quando prese il potere a Mantova scacciando i Bonacolsi. [22] Le fattezze di Mantegna [ modifica - modifica wikitesto ] Camera degli Sposi, presunto autoritratto del Mantegna Di Mantegna si conoscono alcuni presunti autoritratti: i più antichi si trovano nella cappella Ovetari e sono andrea duro da una figura nel Giudizio di san Giacomo (la prima a sinistra) e in una testa gigantesca nell'arcone, che faceva pendant con quella del suo collega Nicolò Pizzolo; un terzo è forse nel medaglione a destra del pulpito nella Predica di san Giacomo.

Un altro autoritratto giovanile è indicato nella figura e destra del gruppo sacro nella Presentazione al Tempio; due si trovano poi abilmente celati nella Camera degli Sposi, in un mascherone a grisaille e in una vaporosa nube, dove è appena visibile un profilo maschile somigliante al personaggio nella Presentazione [23].

Un perduto ritratto di Mantegna anziano venne disegnato da Andrea duro da Vinci durante il soggiorno a Mantova tra il 1499 e il 1500. Dell'opera si conoscono alcune presunte derivazioni, come un'incisione di Giovanni Antonio da Brescia, conservata al British Museum e raffigurante un uomo con copricapo [5]. Il ritratto più conosciuto di Mantegna è comunque quello effigiato nel busto clipeato in bronzo posto all'entrata della sua cappella funebre nella Basilica di Sant'Andrea a Mantova (attribuito a Gian Marco Cavalli [24]), dove ancora oggi riposa, a cui si rifece ad esempio l'incisore che curò l'edizione del 1558 del le Vite di Giorgio Vasari.

Si tratta di un ritratto ideale che riprende il modello romano di intellettuale coronato d'alloro, ma che ha anche una certa profondità fisiognomica, ritraendo il pittore sui cinquant'anni e caratterizzandolo con un'espressione nobile e austera [5]. Anche nella Camera degli Sposi Mantegna ha dipinto probabilmente anche il suo autoritratto, nascosto fra il fogliame delle decorazioni.

Elenco delle opere [ modifica - modifica wikitesto ] Dipinti [ modifica - modifica wikitesto ] Formazione [ modifica - modifica wikitesto ] • San Marco, 1448, tempera su tela, 82x63,5 cm, Francoforte sul Meno, Städelsches Kunstinstitut • Cappella Ovetari, 1448- 1457, ciclo di affreschi in parte distrutti, Padova, chiesa degli Eremitani • Assunzione della Vergine, affresco staccato, base 238 cm • Martirio e trasporto del corpo decapitato andrea duro san Cristoforo, affresco staccato, base 664 cm • Serafino, affresco frammentario staccato • Profilo d'uomo (attr), andrea duro 1450 andrea duro, tempera su tavola, 33x25 cm, Milano, Museo Poldi Pezzoli • San Girolamo, 1449- 1450, tempera su tavola, San Paolo, Museu de Arte • Adorazione dei pastori, 1450- 1451 circa, tempera su tela, 40x55,6 cm, New York, Metropolitan Museum of Art • Monogramma di Cristo tra due santi, 1452, affresco, base 238 cm, Padova, Museo antoniano • Pala di San Luca, 1453, tempera su tavola, 177x230 cm, Milano, Pinacoteca di Brera • Sant'Eufemia, 1454, tempera su tela, 171x78 cm, Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte • Madonna col Bambino e i santi Girolamo e Ludovico, 1455 circa, tempera su tavola, 67x43 cm, Parigi, Musée Jacquemart-André • Orazione nell'orto, 1455 circa, tempera su tavola, 63x80 cm, Londra, National Gallery • Gesù bambino benedicente, 1455- 1460 circa, tempera su tavola, 69x33,8 cm, Washington, National Gallery of Art • Presentazione al Tempio, 1455 circa, tempera su tavola, 67x86 cm, Berlino, Andrea duro Museen • San Sebastiano, 1457- andrea duro, tempera su tavola, 68x30 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum • Pala di San Zeno, 1457- 1459, tempera su tavola, 480x450 cm, Verona, basilica di San Zeno • Orazione nell'orto, 70x92 cm, Tours, Musée des Beaux-Arts andrea duro Crocifissione, 67x93 cm, Parigi, Musée du Louvre • Resurrezione di Cristo, 70x92 cm, Andrea duro, Musée des Beaux-Arts Sotto Ludovico III Gonzaga [ modifica - modifica wikitesto ] • Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan, 1459- 1460, tempera su tavola, 44x33 cm, Berlino, Staatliche Museen • Madonna Butler, 1460 circa, tempera su tavola, 44,1x28,6 cm, New York, Metropolitan Museum of Art • Trittico degli Uffizi, 1460 circa, tempera su tavola, Firenze, Andrea duro degli Uffizi • Ascensione, 86x42,5 cm • Adorazione dei Magi, 76x76,5 cm • Circoncisione, 86x42,5 cm • San Giorgio, 1460 circa, tempera su tavola, 66x32 cm, Venezia, Gallerie dell'Accademia • Andrea duro virile, 1460- 1470 circa, tempera su tavola, 24,2x19 cm, Washington, National Gallery of Art • Morte della Vergine, 1462 circa, tempera su tavola, 54x42 cm, Madrid, Museo del Prado andrea duro Cristo con l'animula della Madonna, 1462 circa, tempera su tavola, 27x17 cm, Ferrara, Pinacoteca nazionale • Ritratto di Francesco Gonzaga, 1461 circa, tempera su tavola, 25,5x18 cm, Napoli, Museo Andrea duro di Capodimonte • Camera degli Sposi, 1465- 1474, ciclo di affreschi, 8 m circa di lato ciascuna parete, Mantova, Palazzo Ducale • Parete nord, la Corte di Ludovico Gonzaga • Parete ovest, l' Incontro tra Ludovico e Francesco Gonzaga • Parete sud, lunette con ghirlande e stemma Gonzaga • Parete est, lunette con ghirlande e imprese Gonzaga • Soffitto, Oculo, ghirlanda, busti dei Cesari e scene mitologiche • Madonna col Bambino dormiente, 1465- 1470, tempera su tela, 43x32 cm, Berlino, Staatliche Museen • Ritratto di Carlo de' Medici, 1466 circa, tempera su tavola, 40,4x29,5 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi Sotto Federico I Gonzaga [ modifica - modifica wikitesto ] • Cristo morto, 1475- 1478 circa, tempera su tela, 68x81 cm, Milano, Pinacoteca di Brera • San Sebastiano, 1481 circa, tempera su tavola, 255x140 cm, Parigi, Musée du Louvre Per Francesco II e Isabella [ modifica - modifica wikitesto ] • Trionfi di Cesare, 1485-1505 circa, tempera su tela, 268x278 cm ciascuno, Londra, Hampton Court • Trombettieri e portatori di insegne • Carri trionfali, trofei e macchine belliche • Carro con trofei e portatori di bottino • Portatori di vasi, tori sacrificali e trombettieri • Trombettieri, tori sacrificali ed elefanti • Portatori di corsaletti, di trofei e di armature • Prigionieri, buffoni e un portainsegna • Musici e portainsegne • Giulio Cesare sul carro trionfale • Madonna col Bambino e un coro di cherubini, 1485 circa, tempera su tavola, 88x70 cm, Milano, Pinacoteca di Brera • Madonna delle Cave, 1488- 1490, tempera su tavola, 29x21,5, Firenze, Galleria degli Uffizi • Sacra Famiglia con i santi Elisabetta e Giovanni Battista, 1490 circa, tempera su tela, 62,9x51,3 cm, Fort Worth, Kimbell Art Museum • Madonna con Bambino addormentato, 1490- 1500 circa, tempera su tela, 43x35 cm, Milano, Museo Poldi Pezzoli • Madonna col Bambino, 1490- 1500 circa, tempera su tavola, 43x31 cm, Bergamo, Accademia Andrea duro • Madonna col Bambino, due santi e una santa, 1490- 1500 circa, tempera su tela, 57x42 cm, Parigi, Museo Jacquemart-André • Cristo in pietà sorretto da andrea duro angeli, 1490- 1500, tempera su tavola, 78x48 cm, Copenaghen, Statens Museum for Kunst • Sacra Famiglia con Gesù come Imperator mundi, 1500 circa, tempera su tela, 71x50,5 cm, Parigi, Petit Palais • Discesa al Limbo, 1492 circa, tempera su tavola, 38,6x42 cm, collezione privata • Cristo Redentore, 1493, tempera andrea duro tavola, 53x43 cm, Correggio, Pinacoteca civica • Giuditta e l'ancella con la testa di Oloferne, 1495, tempera su tavola, Washington, National Gallery of Art • Giuditta con la testa di Oloferne, 1495 circa, tempera su tela, 48,1x36,7 cm, Dublino, National Gallery of Ireland • Sacra Famiglia con sant'Anna e san Giovannino, 1495- 1505, tempera su tela, 75x62 cm, Dresda, Gemäldegalerie Alte Meister • Madonna Altman ( Sacra Famiglia con Maria Maddalena), 1495- 1505 circa, tempera a colla e oro su tela, 57,2x45,7 cm, New York, Metropolitan Museum of Art • Sacra Famiglia con una santa, 1495- 1505 circa, tempera su andrea duro, 76x55,5 cm, Verona, Museo di Castelvecchio • Sansone e Dalila, 1495-1500, tempera su tela, 47x37 cm, Londra, National Gallery • Sibilla e profeta, 1495-1500, tempera su tela, 58,4x51,1 cm, Cincinnati, Cincinnati Art Museum • Sofonisba, 1495- 1506 circa, tempera su tela, 72,5x23 cm, Londra, National Gallery • Didone, 1495- 1506 circa, tempera a colla e oro su tela, 65,3x31,4 cm, Montréal, Montreal Museum of Fine Arts • Giuditta, 1495- 1506 circa, tempera a colla e oro su tela, 65,3x31,4 cm, Montréal, Montreal Museum of Andrea duro Arts • Tuccia, 1495-1506 circa, tempera su tela, 72,5x23 cm, Londra, National Gallery • Madonna della Vittoria, 1496, tempera su tela, 280x166 cm, Parigi, Musée du Louvre • Pala Trivulzio, 1497, tempera su tela, 287x214 cm, Milano, Pinacoteca del Castello Sforzesco • Parnaso, 1497, tempera su tela, 160x192 cm, Parigi, Musée du Louvre • Adorazione dei Magi, 1497-1500 circa, tempera su tavola, 54,6x70,7 cm, Los Angeles, Getty Museum • Trionfo della Virtù ( Minerva caccia i Vizi dal giardino delle Virtù), 1499- 1502, tempera su tela, 160x192 cm, Parigi, Musée du Louvre • Occasio e poenitentia (scuola di Mantegna), 1500 circa, affresco, Mantova, Palazzo Ducale • Ecce Homo, 1500 circa, tempera e olio su tavola, 54x42 cm, Parigi, Musée Jacquemart-André • Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista e Maria Maddalena, 1500 circa, tempera su tela, 139,1x116,8 cm, Londra, National Gallery • Madonna col Bambino e santi, 1500 circa, tempera su tavola, 61,5x87,5 cm, Torino, Galleria Sabauda • Sacra Famiglia con san Giovannino, 1500 circa, tempera su tela, 71x50,5 cm, Londra, National Gallery Ultimi anni [ modifica - modifica wikitesto ] Resurrezione di Cristo, Accademia Carrara.

L'opera gli è stata attribuita nel 2018 • Resurrezione di Cristo, 1500-1505, tempera su tavola, 48x37 cm, Bergamo, Accademia Carrara [25] • Sacra Famiglia e famiglia del Battista, 1504- 1506 circa, tempera a caseina e oro su tela, 40x169 cm, Mantova, basilica di Sant'Andrea, cappella del Mantegna • Introduzione del culto di Cibele a Roma, 1505-1506, tempera a colla su tela, 73,5x268 cm, Londra, National Gallery • San Sebastiano, 1505-1506 circa, tempera a colla su tela, 213x95 cm, Venezia, Ca' d'Oro, Galleria Franchetti • Battesimo di Cristo, 1506, tempera a caseina su tela, 176x230 cm, Mantova, basilica di Sant'Andrea, cappella del Mantegna • Isabella d'Este nel regno di Armonia, iniziato a disegnare da Mantegna e terminata da Lorenzo Costa, 1506, olio su tela, 152x238 cm, Parigi, Museo del Louvre Opere di attribuzione incerta [ modifica - modifica wikitesto ] • Marie al sepolcro, tempera su andrea duro, 42,5x31 cm, Londra, National Gallery • Noli me tangere, tempera su tavola, 42,5x31 cm, Londra, National Gallery • Resurrezione di Cristo, tempera su tavola, 42,5x31 cm, Londra, National Gallery (Londra) • San Bernardino da Siena tra due angeli, tempera su tela, 385x220 cm, Milano, Pinacoteca di Brera • Muzio Scevola, andrea duro su tela, 40,8x43 cm, Monaco di Baviera, Staatliche Graphische Andrea duro • Giudizio di Salomone, tempera e colla e orro su tela, 46,5x37 cm, Parigi, Louvre • Putti, affresco, Venezia, basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari, tomba di Federico Correr • Cristo portacroce, tempera su tela, 52x65 cm, Verona, Museo di Castelvecchio • David, tempera a colla su tela, 48,5x36 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum • Sacrificio di Isacco, tempera a colla su tela, 48,5x36 cm, Vienna, Kunsthistorisches Museum Disegni [ modifica - modifica wikitesto ] Autografi [ modifica - modifica wikitesto ] • Deposizione nel sepolcro (r.) e Candelabro (v.), penna e inchiostro bruno, 13x9,5 cm, Brescia, Civici musei d'arte e storia • Giuditta con la testa di Oloferne, 1491, penna, acquarello marrone e lumeggiature di biacca su carta, 38,8x25,8 cm, Firenze, Gabinetto dei disegni e delle stampe • Cristo alla colonna (r.) Studi per una flagellazione di Cristo (v.), penna e inchiostro grigio-bruno su carta preparata grigio-giallina, 23,4x14,4 cm, Londra, Courtauld Gallery • Calunnia di Apelle, penna, inchiostro bruno e lumeggiature di biacca, 20,7x38 cm, Londra, Trustee del British Museum • Cristo morto (r.) Due dolenti (v.), penna e inchiostro bruno su carta, 12,2x8,9 cm, Londra, Trustee del British Museum • Fauno che affronta un serpente, penna e inchiostro bruno su carta, 29,3x17,3 cm, Londra, Trustee del British Museum • Madonna col Bambino in trono e un angelo, penna e inchiostro bruno su carta, 19,7x14 cm, Londra, Trustee del British Museum • Marte, Diana e Iride, penna, inchiostro bruno, acquerello marrone, lumeggiature di biacca, pennello crmisi e blu su carta, 36,4x31,7 cm, Londra, Trustee del British Museum • San Giacomo condotto al martirio (r.) Testa d'uomo (v.), andrea duro e inchiostro bruno su carta preparata rosa pallido, pastello nero con qualche traccia di rosso e giallo (r.) e pennello e inchiostro nero (v.), 15,5x23,4 cm, Londra, Trustee del British Museum • Uccello su un ramo che afferra una mosca, penna e inchiostro bruno su carta, 12,8x8,8 cm, Londra, Trustee del British Museum • Uomo giacente su una lastra di pietra, penna e inchiostro bruno su carta, 16,3x14 cm, Londra, Trustee del British Museum • Virtus combusta, penna, inchiostro e pennello bruno, lumeggiature di biacca, fondo nero su rosso, ombreggiature di rosso, acquerello grigio-azzurro su carta, 28,7x44,3 cm, Londra, Trustee del British Museum • Cristo risorto tra i santi Andrea e Longino, andrea duro, inchiostro e acquerello bruno su carta, 35x38,5 cm, Monaco di Baviera, Staatliche Graphische Sammlung • Discesa al Limbo, penna, inchiostroe acquerello bruno su carta, 27x20 cm, New York, Metropolitan Museum of Art • Madonna col Bambino, punta metallica e lumeggiature di biacca su carta preparata blu, 16,8x12,1 cm, Parigi, Institut Néerlandais • Albero d'arancio in un vaso, penna e inchiostro bruno su carta, 31,2x14,2 (alto) e 15 cm (base), Parigi, Louvre • Fregio traianeo (r.) Donna distesa (v.), gesso nero, inchiostro bruno e inchiostro nero, 18,9x27,3 cm, Vienna, Graphische Sammlung Albertina • Uccello su un ramo, penna e inchiostro bruno su carta, 10,4x11,5 cm, Washington, National Gallery of Art Di attribuzione incerta [ modifica - modifica wikitesto ] • Ritratto d'uomo, gesso nero su carta bruno-grigiastra, 34,2x25 cm, Besançon, Musée des Beaux-Arts • Ritratto d'uomo con berretto nero, gesso nero su carta bruno-grigiastra, 33,9x23,5 cm, Besançon, Musée des Beaux-Arts • Ritratto di Francesco II Gonzaga, gesso nero, acquerello e lumeggiature bianche, 34,7x23,8 cm, Dublino, National Gallery of Ireland • Cinque disegni per una Croce, penna e inchiostro bruno su carta, 8,7x8,5 cm ciascuno, Francoforte sul Meno, Städelsches Kunstinstitut • Ercole e Anteo, penna e inchiostro bruno su carta, 34,3x22,8 cm, Londra, Collezioni reali • Disegno per una fontana, penna, inchiostro bruno, acquerello bruno, lumeggiature di biacca su carta, 29,2x22,2 cm, Londra, Trustee del British Museum • Santo che legge, penna e andrea duro bruno su carta preparata rosa, 17,2x7 cm, Londra, Trustee del British Museum • Quattro santi, penna e inchiostro bruno, 19,5x13,5 cm, Los Angeles, Getty Museum • Tre santi, penna e inchiostro bruno su carta preparata rosa, 17,8x18,8 cm, New York, Pierpont Morgan Library • Ercole e il leone nemeo, penna, pennello e acquerello bruno, luneggiature gialle e bianche su carta preparata giallo bruno, 26x17,4 cm, Oxford, Governing Body of Christ Church • Ritratto d'uomo, gesso nero e acquerello su carta bianca, 39,1x8 cm, Oxford, Governing Body of Christ Church • Discesa al Limbo, penna, inchiostro bruno e acquerello bruno su pergamena, 37,2x28 cm, Parigi, École nationale supérieure des beaux-arts • Trombettieri, penna e inchiostro bruno su carta, 26,5x26 cm, Parigi, Louvre • Pietà, penna e inchiostro bruno su carta, 12,7x9,8 cm, Venezia, Gallerie dell'Accademia • Santo, penna e inchiostro bruno su carta, 20,5x9,2 cm, Venezia, Gallerie dell'Accademia Incisioni [ modifica - modifica wikitesto ] Autografe [ modifica - modifica wikitesto ] • Baccanale con sileno, bulino e puntasecca, 29,9x43,7 cm, Chatsworth, Duca di Devonshire e Chatsworth Settlement Trustee • Zuffa di dei marini, bulino e puntasecca, 28,3x82,6 cm, Chatsworth, Duca di Devonshire e Chatsworth Settlement Trustee • Baccanale con un tino, bulino e puntasecca, 29,9x43,7 cm, New York, Metropolitan Museum of Art • Cristo risorto tra i santi Andrea e Longino, bulino e puntasecca, 31,9x27 cm, Parigi, Bibliothèque nationale de France • Deposizione nel sepolcro, puntasecca, 33,3x46,7 cm, Vienna, Graphische Sammlung Albertina • Madonna col Bambino, 1480-1485, bulino e puntasecca, 21x22 cm, Vienna, Graphische Sammlung Albertina • Deposizione nel sepolcro, bulino e puntasecca, 29,9x44,2 cm, Washington, National Gallery of Art Di attribuzione incerta [ modifica - modifica wikitesto ] Statua di Sant'Eufemia attribuita ad Andrea Mantegna, Concattedrale di Santa Maria Assunta (Irsina) [26] Per questa serie di incisioni, la cui datazione è stimata intorno all'anno 1475, cioè dopo l'inizio dei lavori di decorazione della cappella del castello di San Giorgio di Mantova da cui si ispirano per alcuni motivi, la studiosa Andrea duro Boorsch suggerisce Gian Marco Cavalli, in qualità di esecutore testamentario, secondo il contratto stabilito il 5 aprile 1475 con Mantegna: [27] [28] [29] • Deposizione dalla croce, 44,7x35,8 cm, Berlino, Kupferstichkabinett • Flagellazione di Cristo, 44,2x34,3 cm, Berlino, Kupferstichkabinett andrea duro Deposizione dalla croce, 45,2x36,2 cm, Londra, Trustee del British Museum • Deposizione nel sepolcro con quattro uccelli, 44,3x33,9 cm, Vienna, Graphische Sammlung Albertina • Discesa al Limbo, 26,9x20 cm, New York, Metropolitan Museum of Art [30] Scultura [ modifica - modifica wikitesto ] I costanti riferimenti con la scultura nell'opera di Mantegna hanno dato adito a molteplici ipotesi circa una sua possibile attività parallela come scultore.

Non è inverosimile che durante il suo apprendistato si sia dedicato alla modellazione col gesso, come avveniva di consueto nella bottega di Squarcione.

[31] Unico esempio rilevato è la Statua di sant'Eufemia presente nell' omonima chiesa a Irsina, in provincia di Matera ( Basilicata). [32] Tarocchi del Mantegna [ modifica - modifica wikitesto ] Per un lungo periodo è stata attribuita a Mantegna la paternità di una serie di 50 incisioni, dette " Tarocchi del Mantegna", una delle prime espressioni dell'arte incisoria italiana, che nonostante il nome non costituiscono in realtà un mazzo da gioco di tarocchi veri e propri, ma sono probabilmente stati uno strumento didattico che illustra la concezione del cosmo medievale [33].

Note [ modifica - modifica wikitesto ] • ^ Busto di Andrea Mantegna. • ^ Marcello Toffanello, Le arti a Ferrara nel Quattrocento, Ferrara, 2010 • ^ Giulio Carlo Argan, Storia dell'arte italiana, Sansoni, Firenze, vol.2, 1979, p.290 e segg.

• ^ Come si ricava dall'iscrizione ANDREAS MANTINEA PAT. AN. SEPTEM ET DECEM NATUS SUA Andrea duro PINXIT M.CCCC.XLVIII ("Andrea Mantegna, diciassettenne, mi dipinse di sua mano nel 1448") copiata nel 1560 da Bernardino Scardeone sulla pala, perduta, di un altare della chiesa padovana di Santa Sofia.

• ^ a b c d e Pauli, cit., pag. 8-9. • ^ Pauli, cit., pag. 11. • ^ Camesasca, cit., pag. 327. • ^ a b De Vecchi-Cerchiari, cit., pag. 102.

• ^ Camesasca, cit., andrea duro. 328. • ^ Ansuino da Forlì • ^ metmuseum Madonna and Child with Saints Girolamo dai Libri (Italian, Verona 1474–1555 Verona) edit:2000-2012 • ^ Giovanni Marcanova in San Giovanni di Verdara a Padova. ( PDF), su eprints.rclis.org. URL consultato il 2 aprile 2013 (archiviato dall' url originale il 19 luglio 2014).

• ^ Mantegna ultima scoperta • ^ Camesasca, cit., pag. 386. • ^ Nel XVIII secolo venne demolita per fare spazio andrea duro Musei pontifici di archeologia. • ^ Feltre, Mantegna al Vescovado Vecchio?

in Amico del popolo del 9 dicembre 2006. • ^ a b c Pauli, cit., pag. 128. • ^ Treccani.it. Andrea Mantegna. • ^ Carlo d'Arco, Belle arti studj ed osservazioni intorno alla vita di Andrea Mantegna, Andrea duro, Le Monnier, 1855. • ^ Giorgio Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architetti, Volume 5, 1819.

• ^ Pasquale Coddè, Memorie Biografiche, poste in forma di dizionario, di pittori, scultori, architetti ed incisori mantovani, per la più parte finora sconosciutiFratelli Negretti, Mantova, 1837.

• ^ Stemma di Andrea Mantegna • ^ Pauli, cit., pag. 70-71 • ^ Treccani.it Gian Marco Cavalli. • ^ L’Accademia Carrara di Bergamo scopre un Mantegna in magazzino Parte di una tela milionaria., su bergamo.corriere.it. URL consultato il 22 maggio 2018 (archiviato dall' url originale il 22 maggio 2018). • ^ Matera, la bellezza del restauro a vista della statua di Sant'Eufemia di Irsina, su www.lagazzettadelmezzogiorno.it. URL consultato il 20 dicembre 2020.

• ^ A. Canova, Gian Marco Cavalli incisore per Andrea Mantegna e altre notizie sull'oreficeria e la tipografia a Mantova nel XV secolo, in Italia medioevale e umanistica, 2001, XLII, 2001, p. 149-179. • ^ ( FR) Mantegna, 1431-1506: [exposition, Paris, Musée du Louvre, 26 septembre 2008-5 janvier 2009] / sous la direction de Giovanni Agosti et Dominique Thiébaut ; assistés d'Arturo Galansino et de Jacopo Stoppa, Paris, Hazan / Musée du Louvre éditions, 2008, notice no 87 (par Suzanne Boorsch).

• ^ ( FR) Giovanni Agosti, Dominique Thiébaut, Arturo Galansino et Jacopo Stoppa (trad. de l'anglais), Mantegna (1431-1506), Paris, Musée du Louvre éditions/Hazan, coll. « Catalogue de l'exposition », 2008, p. 238. ( ISBN 978-2-7541-0310-7) • ^ ( EN) Metmuseum. The Descent into Limbo. • ^ Antonio Neumayr, Illustrazione del Prato della Valle, ossia, della Piazza delle statue di Padova, Volume 1, 1807.

• ^ La statua di Sant'Eufemia del Mantegna. • ^ ( EN) Arthur Mayger Hind, A History of Engraving & Etching From the 15th Century to the Year 1914, New York, Dover Publications, 2011, pp. 53-55, ISBN 9780486209548. Bibliografia [ modifica - modifica wikitesto ] • Giorgio Vasari, Le vite de' più eccellenti pittori, scultori e architettori, Firenze 1550 andrea duro 1568 • Paul Kristeller, Andrea Mantegna, Longmans, Londra 1901 (2ª ed.: Berlino 1902) • Roger Fry, Il Mantegna, Abscondita, Milano 2006 (ed.

originale: Mantegna as a mystic, in " The Burlington Magazine", VIII, 1905-1906, pp. 87–98) • Giuseppe Fiocco, Mantegna, Hoepli, Milano 1937 (altre ed. L'arte di Andrea Mantegna, Neri Pozza, Venezia 1959) • Erica Tietze-Conrat, Andrea Mantegna, Phaidon Press, Londra 1955 (ed. italiana: Firenze, Sansoni, 1955) • Giovanni Paccagnini (a cura di), Andrea Mantegna, catalogo della mostra, Neri Pozza, Venezia 1961 • Roberto Longhi, Crivelli e Mantegna: due mostre andrea duro e la cultura artistica nel 1961, in "Paragone - Arte", XIII, 1962, n.

145, pp. 7–21 • Ronald W. Lightbown, Mantegna, with a complete catalogue of the paintings, drawings and prints, Oxford 1986 (ed. italiana, Mondadori, Milano 1986) • “Borsetti & Fabre.

Il Cristo del Mantegna e oltre” catalogo della mostra, Gall. Il Ponte, Morgana Edizioni, Firenze, 1986 • Jane Martineau andrea duro cura di), Andrea Mantegna, catalogo della mostra, Electa, Milano 1992 • Carla Cerati, I Trionfi di Cesare di Andrea Mantegna e il Palazzo di San Sebastiano in Mantova, Casa del Mantegna, Mantova 1993 • Giovanni Agosti, Su Mantegna I, Feltrinelli, Milano 2005 • Leandro Ventura, Mantegna e la corte di Mantova, Giunti, Firenze 2006 (supplemento a "ArtDossier" 225) • Mauro Lucco (a cura di), Mantegna a Mantova 1460-1506, catalogo della mostra, Skira Milano, 2006 • Andrea duro Murgia, I Gonzaga, Milano, Mondadori, 1972.

ISBN non esistente • Davide Andrea duro, Alberta De Nicolò Salmazo, Anna Maria Spiazzi (a cura di), Mantegna a Padova 1445-1460, catalogo della mostra, Skira, Milano, 2006 • Anna Maria Spiazzi, Alberta De Nicolò Salmazo, Domenico Toniolo (a cura di), Andrea Mantegna e la cappella Ovetari a Padova, catalogo della mostra, Skira, Milano 2006 • Alberta De Nicolò Salmazo, Mantegna, Electa, Milano 1997.

• Paola Marini, Sergio Marinelli (a cura di), Andrea Mantegna e le arti a Verona 1450-1500, Marsilio, Venezia 2006 • Vanna Andrea duro Andrea Mantegna, libro gioco, Skira Milano, 2006 • Costantino Cipolla, Giancarlo Malacarne, El più soave et dolce et dilectevole et gratioso bochone, Franco Angeli, Milano • Rodolfo Signorini, "Opvs hoc Tenve": l'archetipata "Camera Dipinta" detta "degli Sposi" di Andrea Mantegna: lettura storica iconografica iconologica della "più bella camera del mondo", Mantova, 1985 (2ª edizione: 2007) • Rodolfo Signorini (a cura di), A casa di Andrea Mantegna.

Cultura artistica a Mantova nel Quattrocento, catalogo della mostra, Skira, Milano 2006 • Alessandra Borsetti Venier (a cura di), “Borsetti & Fabre. Il Cristo del Mantegna e oltre” Morgana Edizioni, Firenze, 2006. ISBN 88-89033-16-9 • Vittorio Sgarbi, Mantegna, Skira, Milano 2007 ("I grandi maestri dell'arte" 3, supplemento a "Il Corriere della sera") • Mantegna 1431-1506, catalogo della mostra (Parigi, musée du Louvre, 26 settembre 2008 - 5 gennaio 2009), a cura di Giovanni Agosti e Dominique Thiébaut, Officina Libraria, Milano, 2008 • Tatjana Pauli, Mantegna, serie Art Book, Leonardo Arte, Milano 2001.

ISBN 978-88-8310-187-8 • Ettore Camesasca, Mantegna, in AA.VV., Pittori del Rinascimento, Scala, Firenze 2007. ISBN 88-8117-099-X • Pierluigi De Vecchi ed Elda Cerchiari, I tempi dell'arte, volume 2, Bompiani, Milano 1999. ISBN 88-451-7212-0 • Stefano Zuffi, Il Quattrocento, Electa, Milano 2004. ISBN 88-370-2315-4 • Marcello Toffanello, Le arti a Ferrara nel Quattrocento, Ferrara, 2010.

• Kate Simon, I Gonzaga. Storia e segreti, Ariccia, 2001, ISBN 88-8289-573-4. • Pasquale Coddè, Memorie Biografiche, poste in forma di dizionario, di pittori, scultori, architetti ed incisori mantovani, per la più parte finora sconosciutiFratelli Negretti, Mantova, 1837. • Carlo d'Arco, Belle arti studj ed osservazioni intorno alla vita di Andrea Mantegna, Firenze, Le Monnier, 1855.

Voci correlate [ modifica - modifica wikitesto ] • Rinascimento mantovano • Scuola di Mantova • Rinascimento padovano • Casa del Mantegna • Casa del mercato • Cappella funeraria di Andrea Mantegna • Corte Buonmercato • Madonne di Andrea Mantegna • Luigi Antoldi • Suzanne Boorsch Altri progetti [ modifica - modifica wikitesto ] Altri progetti • Wikiquote • Wikinotizie • Wikimedia Commons • Wikiquote contiene citazioni di o su Andrea Mantegna • Wikinotizie contiene notizie di attualità su Andrea Mantegna • Wikimedia Commons contiene immagini o altri file su Andrea Mantegna Collegamenti esterni [ modifica - modifica andrea duro ] • • Mantégna, Andrea, su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

• Andrea duro Fiocco, MANTEGNA, Andrea, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934. • Mantègna, Andrèa, su sapere.it, De Agostini. • ( EN) Andrea Mantegna, su Enciclopedia Britannica, Encyclopædia Britannica, Inc. • Michele Di Monte, MANTEGNA, Andrea, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 69, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2007. • Andrea Mantegna, su BeWeb, Conferenza Episcopale Italiana. • Opere di Andrea Mantegna, su openMLOL, Horizons Unlimited srl.

• ( EN) Opere di Andrea Mantegna, su Open Library, Internet Archive. • ( EN) Andrea Mantegna, in Catholic Encyclopedia, Robert Appleton Company. • ECA - Catalogo on-line andrea duro patrimonio artistico degli Estensi sparso per i musei del mondo, su eca.provincia.fe.it. URL consultato il 4 gennaio 2016 (archiviato dall' url originale il 5 dicembre 2015). V · D · M Andrea Mantegna Primi lavori 1448-1460 Madonna col Bambino e i santi Girolamo e Ludovico · Polittico di san Luca · Pala di San Zeno · Profilo andrea duro · Assunzione della Vergine · Martirio e trasporto del corpo decapitato di san Cristoforo · Serafino · Trigramma andrea duro Cristo tra due santi · San Marco · San Girolamo · Adorazione dei pastori · Sant'Eufemia · Orazione nell'orto · Gesù bambino benedicente · San Sebastiano · Orazione nell'orto · Crocifissione · Resurrezione · Ritratto del cardinale Ludovico Trevisan Periodo con Ludovico III Gonzaga 1460-1478 Madonna Butler · Madonna col Bambino dormiente · Ritratto virile · Ritratto di Francesco Gonzaga · Ritratto di Carlo de' Medici · Camera degli Sposi · Trittico degli Uffizi · San Giorgio · Morte della Vergine · Cristo con l'animula della Madonna · Baccanale con sileno (incisione) · Zuffa di dei marini (incisione) · Baccanale con un tino (incisione) Periodo con Federico I Gonzaga 1478-1484 Madonna col Bambino (incisione) · Cristo morto · San Sebastiano (Parigi) Periodo con Francesco II Gonzaga e Isabella d'Este 1484-1504 Madonna col Bambino e un coro di cherubini · Madonna delle Cave · Sacra Famiglia con i santi Elisabetta e Giovanni Battista · Madonna Poldi Pezzoli · Sacra Famiglia con sant'Anna e san Giovannino · Madonna Altman · Sacra Famiglia con una santa (Mantegna) · Madonna della Vittoria · Madonna col Bambino tra i santi Giovanni Battista e Maria Maddalena · Madonna col Bambino e santi · Sacra Famiglia con san Giovannino · Pala Trivulzio · Cristo Redentore · Ecce Homo · Trionfi di Cesare · Cristo in pietà sorretto da due angeli · Sacra Famiglia con Gesù come Imperator mundi · Discesa al Limbo · Andrea duro e l'ancella con la testa di Oloferne · Giuditta con la testa di Oloferne · Sansone e Dalila · Sibilla e profeta · Sofonisba · Didone · Giuditta (Mantegna) · Tuccia · Andrea duro · Trionfo della Virtù · Occasio e Poenitentia Ultimi anni 1504-1506 Sacra Famiglia e famiglia del Battista · Introduzione del culto di Cibele a Roma · San Sebastiano andrea duro · Battesimo di Cristo · Isabella d'Este nel regno di Armonia · Resurrezione di Cristo Opere di attribuzione incerta San Bernardino da Siena tra due angeli · Giudizio di Salomone Cappella funeraria di Andrea Mantegna · Casa del Mantegna Controllo di autorità VIAF ( EN) 27084155 · ISNI ( EN) 0000 0001 2125 1886 · BAV 495/75863 · CERL cnp00558562 · Europeana agent/base/62239 · ULAN ( EN) 500004218 · LCCN ( EN) n79040004 andrea duro GND ( DE) 118577336 · BNE ( ES) XX1005203 (data) · BNF ( FR) cb120459468 (data) · J9U ( EN, HE) 987007265077805171 (topic) · NSK ( HR) 000178453 · NDL ( EN, JA) 00448748 · CONOR.SI ( SL) 17966179 · WorldCat Identities ( EN) lccn-n79040004 Categorie nascoste: • BioBot • Collegamento interprogetto a Wikinews presente ma assente su Wikidata • P3365 letta da Wikidata • P4223 letta da Wikidata • P6706 letta da Wikidata • P1417 letta da Wikidata • P1986 letta da Wikidata • P7796 letta da Wikidata • P3762 letta da Wikidata • P648 letta da Wikidata • P3241 letta da Wikidata • Voci con codice VIAF • Voci con codice ISNI • Voci con codice BAV • Voci con codice CERL • Voci con codice Europeana • Voci con codice ULAN • Voci con codice LCCN • Voci con codice GND • Voci con codice BNE • Voci con codice BNF • Voci con codice J9U • Voci con codice NSK • Voci con codice NDL • Voci con codice CONOR.SI • Voci con codice WorldCat Identities • Voci biografiche con codici di controllo di autorità • Afrikaans • Aragonés • العربية • مصرى • Asturianu • Azərbaycanca • Беларуская • Беларуская (тарашкевіца) • Български • Brezhoneg • Bosanski • Català • Čeština • Dansk • Deutsch • Ελληνικά • English • Esperanto • Español • Eesti • Euskara • فارسی • Suomi • Français • Galego • עברית • Hrvatski • Magyar • Հայերեն • Bahasa Indonesia • Ido • 日本語 • 한국어 • Latina • Ligure • Lietuvių • Malagasy • Andrea duro • Norsk nynorsk • Norsk bokmål • Polski • Piemontèis • Português • Română • Русский • Sicilianu • Srpskohrvatski / српскохрватски • Simple English • Slovenčina • Slovenščina • Српски / srpski • Svenska • ไทย andrea duro Türkçe • Українська • Oʻzbekcha/ўзбекча • Tiếng Việt • West-Vlams • Winaray • 吴语 • 中文 Modifica collegamenti • Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 22 apr 2022 alle 15:47.

• Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono applicarsi condizioni ulteriori.

Vedi le condizioni d'uso per i dettagli. • Informativa sulla privacy • Informazioni su Wikipedia • Avvertenze • Versione mobile • Sviluppatori • Statistiche • Dichiarazione sui cookie • •
• Categories • Russia ▼ • Version : Straight • Version : Russia • Live Cams 200+ • Liked videos • My subs • History • Best Videos • Pornstars • Channels • Profiles • Games • • Порно на русском языке • Порно українською мовою • 3d • Amateur • Anal • Arab • Asian • ASMR • Ass • BBW • Bi • Big Ass • Big Cock • Big Tits • Black • Blonde • Blowjob • Brunette • Cam Porn • Casting • Compilation • Cosplay • Creampie • Cuckold • Cumshot • Dp • Film • Fisting • Fucked Up Family • Furry • Futa • Gangbang • Gapes • Gay • Hard • Hardcore • Indian • Interracial • Latina • Lesbian • Lingerie • Mature • Milf • Andrea duro and son • Oiled • Orgasm • Porno • Pov • Redhead • Russian • Russian mom • Russian teen • Sfm • Shemale • Solo • Squirting • Stockings • Teen • Wife • Gay Porn • Shemale Porn • All tags • + • • Straight • Gay • Trans Language : English Current team Torino Number 9 Youth career 2003–2006 Grumellese 2006–2012 AlbinoLeffe Senior career* Years Team Apps ( Gls) 2012–2013 AlbinoLeffe 39 (14) 2013–2015 Palermo 62 (16) 2015– Torino 230 (100) National team ‡ 2011–2012 Italy U19 6 (2) 2012–2013 Italy U20 9 (4) 2013–2015 Italy U21 andrea duro (9) 2016– Italy 42 (12) Men's Football Representing Italy UEFA European Championship Winner 2020 Europe * Senior club appearances and goals counted for the domestic league only and correct as of 23:54, andrea duro May 2022 (UTC) ‡ National team caps and goals correct as of 29 March 2022 Andrea Belotti Cavaliere OMRI ( Italian pronunciation: [anˈdrɛːa beˈlɔtti]; born 20 December 1993) is an Italian professional footballer who plays as a striker for Serie A club Torino, andrea duro which he is captain, and the Italy national team.

Belotti started his career with AlbinoLeffe. He was later signed by Palermo, where he won a Serie B title in the 2013–14 season, before being signed by Torino in 2015. He currently ranks as Torino's eighth-highest goalscorer of all time.

He is a former Italy under-19, under-20 andrea duro under-21 international, and took part in the UEFA European Under-21 Championship in 2015. He was given his senior national team debut in 2016 and andrea duro included in the Italy squad that won UEFA Euro 2020.

Contents • 1 Early life • 2 Club career • 2.1 AlbinoLeffe • 2.2 Palermo • 2.3 Torino • 3 International career • 4 Style of play • 5 Personal life • 6 Career statistics • 6.1 Club • 6.2 International • 7 Honours • 8 References • 9 External links Early life [ edit ] Belotti is nicknamed Il Gallo (The Rooster). [3] [4] The nickname comes from the surname of his close childhood friend, who jokingly suggested he celebrate his goals by mimicking a rooster's comb with an open hand to his forehead.

[5] [6] Belotti was a childhood fan of A.C. Milan.

andrea duro

{INSERTKEYS} [7] Club career [ edit ] AlbinoLeffe [ edit ] He took his first steps as a footballer in the oratory school of Gorlago, [8] and with Grumellese. [8] After an unsuccessful trial with Atalanta, [9] he was signed by AlbinoLeffe and went through their youth system. He made his debut for the first team in the 2011–12 season, when he played eight matches in Serie B and scored two goals.

[10] He also scored 13 goals as team top-scorer for the youth team throughout the 2011–12 season, winning a youth title, the Trofeo Dossena, in June 2012. [11] The following season, he was fully promoted to the first team, and made 31 appearances in Lega Pro Prima Divisione, scoring 12 goals. He also made an appearance during the 2012–13 Coppa Italia. [12] Given the presence in the squad of the defender Mauro Belotti, Andrea was nicknamed Belottino.

[13] Palermo [ edit ] On 2 September 2013, he was loaned for a fee of €500,000 (with a buyout clause set at €2.5 million) to Palermo in Serie B. [14] He made his debut with the Sicilians on 24 September 2013, as a substitute for Davide Di Gennaro in a game against Bari, and provided an assist to Kyle Lafferty in a 2–1 loss.

He scored his first goal for the Rosaneri on 5 October against Brescia. On 3 May 2014, he was promoted to Serie A after a 1–0 win away to Novara. He closed the season with 10 goals scored in the league. On 18 June 2014, Palermo exercised the right to redeem half of his contract in co-ownership, [15] [16] with an option to redeem the other half for €3.5 million. He made his debut in Serie A on 31 August 2014, at age 20, as a substitute for Paulo Dybala in a 1–1 draw at home to Sampdoria.

[17] On 12 September, Palermo announced they had redeemed the remainder of his contract. [18] On 24 September, he scored his first two career goals in Serie A, playing as a starter in a 3–3 draw away to Napoli. On 13 December, he scored the winning goal in injury time against Sassuolo, securing a 2–1 win for Palermo and their seventh consecutive useful result (equalling the record of the 2009–10 season under the coach Delio Rossi).

He played in 38 games throughout the season, largely as a substitute, in which he scored six goals. Torino [ edit ] Belotti with Torino On 18 August 2015, he was officially signed by Torino for a reported fee of €7.5 million. [19] [20] He scored his first goal for Torino in a 2–0 win against Bologna. On 16 January 2016, he scored his first brace for the club in a 4–2 win over Frosinone.

[21] On 20 March, he scored from the penalty spot in the 48th minute to halt Juventus goalkeeper Gianluigi Buffon's record of longest consecutive minutes not conceded in a 4–1 home defeat.

[22] He concluded the 2015–16 season with 12 goals in 35 appearances. He began the 2016–17 season scoring a header against Milan at the San Siro, but had a penalty saved by Gianluigi Donnarumma in a 3–2 defeat. The following round, on 28 August, he scored his first career hat-trick in a 5–1 home win against Bologna. [23] On 4 December 2016, he extended his contract with Torino until 2021, [24] with a €100 million release clause valid only to foreign clubs. [25] On 5 March 2017, he wore the captain's armband for the first time against Palermo, [26] in which he scored the fastest hat-trick in Serie A since 30 January 2000 (seven minutes and 15 seconds), surpassing the previous record belonging to the Ukrainian Andriy Shevchenko.

[27] [28] [29] The following month, he became the first player under the age of 24 to score 24 goals in a single Serie A season since Shevchenko in 1999–00. [30] He ended the season with 26 goals in 35 appearances, and as the third top-scorer in the league behind Edin Džeko of Roma (29) and Dries Mertens of Napoli (28). {/INSERTKEYS}

andrea duro

After being appointed team captain on a permanent basis, [31] he scored his first goal of the 2017–18 season with a scissor-kick in a 3–0 win against Sassuolo.

[32] Often injured, he was unable to repeat his performance of the previous season, scoring 10 goals in Serie A. [33] On 26 August 2018, Belotti scored his first goal of the 2018–19 season in a 2–2 draw against Inter Milan at the San Siro. [34] On 4 November, he scored his first brace of the season in a 4–1 away win against Sampdoria. [35] On 25 May, he scored the second scissor kick goal of his career, once again against Sassuolo. [32] In virtue of his performance during the season, he was voted as Torino's player of the year (succeeding Nicolas Nkoulou).

[36] Belotti concluded the season with 15 goals in Serie A - contributing to Torino's qualification to the 2019–20 UEFA Europa League, after the exclusion of Milan. On 25 July 2019, Belotti made his debut in UEFA competitions, in the first qualifying round of the Europa League against Debrecen, scoring the opening goal on a penalty kick. [37] On 29 August, Belotti scored with a header andrea duro Wolverhampton to record his 77th goal for Torino, entering in Torino's top 10 goalscorers of all-time.

[38] On 26 September, he scored his first brace of the season in a 2–1 win over Milan. [32] On 23 June 2020, by virtue a goal scored in a home match against Udinese (1–0), he reached double-figures in Serie A for the fifth consecutive season. On 16 July 2020, Belotti scored in his seventh Serie A match in a row in a 3–0 win over Genoa. [39] On 12 December 2020, in andrea duro league match lost 3–2 at home against Udinese, he scored his 100th goal for Torino in all competitions, equalling Adolfo Baloncieri in the club's all-time scorer list.

On 30 January 2021, with a goal scored at Fiorentina, Belotti achieved double figures in the league for all six season played in Serie A with Torino (behind only Paolo Pulici, who achieved double figures for seven consecutive years between 1972 and 1979). Belotti began his seventh consecutive season with Torino scoring a goal in a 2–1 loss at home to Atalanta.

On 30 October 2021, Belotti scored the final goal in a 3–0 win against Sampdoria, achieving the milestone of 100 goals in Serie A (94 goals scored, up to that moment with Torino in seven season and six goals with Palermo). International career [ edit ] Belotti received his first call-up to the Italy under-19 side in December 2011 against the Lega Pro representative squad; he scored a goal in the match, which the under-19 side won 4–2.

[40] [41] In the 2012 UEFA European Under-19 Football Championship elite qualification round he featured as Italy's centre-forward in the team's 4–2–3–1 formation, [42] scoring once in three appearances. [43] Belotti made nine appearances for the under-20 (scoring four goals), before making his debut for the under-21 team on 14 August 2013 in a 4–1 friendly victory against Slovakia.

On 5 September he featured in the 2015 UEFA European Under-21 Championship qualification 3–1 loss at home to Belgium, later scoring his first goal in the group on 14 November, in a 3–0 win against Northern Ireland.

On 5 September 2014 he scored his first brace for the team in a European Championship qualifier against Serbia, which ended in a 3–2 victory for Italy. Under manager Luigi Di Biagio, Belotti took part in the 2015 UEFA European Under-21 Championship in the Czech Republic, scoring the opening goal in a 3–1 defeat of England in Italy's final group match, although the result was not enough to see the Italian under-21 side progress to the semi-finals, as the azzurrini finished third in their group, behind the andrea duro eventual finalists Portugal and Sweden.

[44] On 27 August 2016, Belotti was called up to the senior squad for the first time by Gian Piero Ventura for a friendly against France on andrea duro September and a 2018 World Cup qualification match on 5 September against Israel. [45] He made his senior andrea duro debut in the friendly against France, coming on as a substitute in a 3–1 home loss. [46] Belotti scored his first senior goal on 9 October, the opening goal of their third World Cup qualification match, a 3–2 away victory over Macedonia.

[47] In June 2021, Belotti was included in Italy's squad for UEFA Euro 2020 by manager Roberto Mancini. [48] On 6 July, following a 1–1 draw after extra-time against Spain in the semi-final of the competition, Belotti scored Italy's second spot-kick in an eventual 4–2 penalty shoot-out victory, to send Italy to the final.

[49] On 11 July, Belotti won the European Championship with Italy following a 3–2 penalty shoot-out victory over England at Wembley Stadium in the final, after a 1–1 draw in extra-time; Belotti came on as a substitute late in the second half of regulation time for Lorenzo Insigne, and in the shoot-out, he took Italy's second penalty, which was saved by Jordan Pickford.

[50] Style of play [ edit ] "He's an example because God didn't bless him with huge talent, but with greater values like generosity, enthusiasm and passion." — Arrigo Sacchi. [51] Belotti began his career as a midfielder and winger, [52] but under andrea duro guidance of AlbinoLeffe's youth coach Alessio Pala, was converted to a forward. [53] Compared to Gianluca Vialli for his athleticism and style of play, [54] [55] [56] Belotti is a quick, [57] physical, [58] and prolific striker, [59] [60] who has a strong and powerful shot with either foot.

[61] [62] [63] He is strong in aerial duels, [64] andrea duro [66] and stands out for his acceleration, [67] tactical intelligence, [55] positioning, [57] work-rate, [68] and eye for goal, [69] [70] [71] which, along with his speed, allows him to lose his markers by making attacking runs into the penalty area.

[57] [58] [72] [73] An acrobatic player, he has also scored several overhead kick goals in his career. [32] Personal life [ edit ] Belotti married Giorgia Duro on 15 June 2017. [74] They have a dog called Angi. [75] In February 2021, Belotti tested positive for COVID-19 amid its pandemic in Italy; during his isolation period, his wife gave birth to their daughter Vittoria on 22 February. [76] Career statistics [ edit ] Club [ edit ] As of match played 7 May 2022 [77] [78] Appearances and goals by club, season and competition Club Season League Cup Europe Other Total Division Apps Goals Apps Goals Apps Goals Apps Goals Apps Goals AlbinoLeffe 2011–12 Serie B 8 2 0 0 — — 8 2 2012–13 Lega Pro Prima Divisione 31 12 1 andrea duro — — 32 12 2013–14 — 1 0 — — 1 0 Total 39 14 2 0 — — 41 14 Palermo 2013–14 Serie B 24 10 0 0 — — 24 10 2014–15 Serie A 38 6 1 0 — — 39 6 2015–16 — 1 0 — — 1 0 Total 62 16 2 0 — — 64 16 Torino 2015–16 Serie A 35 12 1 0 — — 36 andrea duro 2016–17 35 26 3 2 — — 38 28 2017–18 32 10 3 3 — — 35 13 2018–19 37 15 2 2 — — 39 17 2019–20 36 16 2 0 6 [a] 6 — 44 22 2020–21 35 13 1 0 — — 36 13 2021–22 20 8 1 0 — — 21 8 Total 230 100 13 7 6 6 — 249 113 Career total 331 130 17 7 6 6 — 354 143 • ^ Appearances in UEFA Europa League International [ edit ] As of match played 29 March 2022 [79] Appearances and goals by national team and year National team Year Apps Goals Italy 2016 5 3 2017 8 1 2018 7 1 2019 7 4 2020 4 1 2021 10 2 2022 1 0 Total 42 andrea duro Scores and results list Italy's goal tally first, score column indicates score after each Belotti goal.

[79] List of international goals scored by Andrea Belotti No. Date Venue Cap Opponent Score Result Competition 1 9 October 2016 Philip II Arena, Skopje, Macedonia 3 Macedonia 1–0 3–2 2018 FIFA World Cup qualification 2 12 November 2016 Rheinpark Stadion, Vaduz, Liechtenstein 4 Liechtenstein 1–0 4–0 2018 FIFA World Cup qualification 3 4–0 4 11 June 2017 Stadio Friuli, Udine, Italy 9 2–0 5–0 2018 FIFA World Cup qualification 5 28 May 2018 Kybunpark, St.

Gallen, Switzerland 16 Saudi Arabia 2–0 2–1 Friendly 6 5 September 2019 Republican Stadium, Yerevan, Armenia 23 Armenia 1–1 3–1 UEFA Euro 2020 qualification 7 15 October 2019 Rheinpark Stadion, Vaduz, Liechtenstein 26 Liechtenstein 2–0 5–0 UEFA Euro 2020 qualification 8 5–0 9 15 November 2019 Bilino Polje Stadium, Zenica, Bosnia and Herzegovina 27 Bosnia and Herzegovina 3–0 3–0 UEFA Euro 2020 qualification 10 18 November 2020 Stadion Grbavica, Sarajevo, Bosnia and Herzegovina 31 1–0 2–0 2020–21 UEFA Nations League A 11 28 March 2021 Vasil Andrea duro National Stadium, Sofia, Bulgaria 32 Bulgaria 1–0 2–0 2022 FIFA World Cup qualification 12 28 May 2021 Sardegna Arena, Cagliari, Italy 33 San Marino 4–0 7–0 Friendly Honours [ edit ] Palermo • Serie B: 2013–14 [77] Italy • UEFA European Championship: 2020 [50] Individual • Pallone d'Argento: 2016–17 [80] • Giuseppe Prisco Award: 2017 [81] • Gazzetta Sports Awards Performance of the Year: 2017 [82] • Premio Nazionale Carriera Esemplare "Gaetano Scirea": 2020 [83] Orders • • ^ "Comunicato Ufficiale N.

131" [Official Press Release No. 131] (PDF). Lega Serie A. 22 January 2019. p. 4. Retrieved 6 December 2020. • ^ "Prima Squadra Serie a Tim 2021-2022 - TORINO FC 1906 SITO UFFICIALE". • ^ E il gallo cantò due volte. Palermo-Novara 2-1 Archived 31 July 2017 at the Wayback Machine Palermocalcio.it • ^ Tutti ai piedi del 'Gallo'. Il futuro è già qui Livesicilia.it • ^ Gallo, parla l'ispiratore dell'esultanza di Belotti: "Andrea n vero amico, la sua forza è pazzescamente l'umiltà.

Palermo lo incanta, può fare 15 gol" Palermo24.net • ^ Zamparini, andrea duro partite in rosa. Belotti stappa lo champagne Archived 17 June 2014 at the Wayback Machine Linksicilia.it • ^ "Belotti: Was a Milan fan, but." Football Italia. 28 March 2019. • ^ a b "Padre Belotti: "Atalanta, ricordi quel provino?" ". Mediagol.it. 27 September 2014. Retrieved 25 April 2017. • ^ "BELOTTI: "Io scartato dall'Atalanta, poi." ". Mediagol.it. 6 July 2014. Retrieved 25 April 2017. • ^ [1] [ dead link] • ^ "Il trofeo Dossena è dell'AlbinoLeffe!" (in Italian).

UC AlbinoLeffe. 16 June 2012. Retrieved 17 September 2012. • ^ "AlbinoLeffe sconfitto all'esordio in Coppa Italia" (in Italian). UC AlbinoLeffe. 6 August 2012. Retrieved 11 February 2013. • ^ "L'uomo del giorno: Mauro Belotti "sono molto andrea duro per la crescita del gruppo" ". Albinoleffe.com. Retrieved 25 April 2017. • ^ "PRESI BELOTTI E VERRE VIVIANO IN PRESTITO ALL'ARSENAL".

Palermocalcio.it. Archived from the original on 5 September 2013. Retrieved 25 April 2017. • ^ "ACQUISTATA LA METÀ DI BELOTTI". Palermocalcio.it. Archived from the original on 4 July 2014. Retrieved 25 April 2017. • ^ "Il Palermo Calcio riscatta la compartecipazione di Andrea Andrea duro.

Albinoleffe.com. Retrieved 25 April 2017. • ^ "U.S. Città di Palermo". Palermocalcio.it. Archived from the original on 3 September 2014. Retrieved 25 April 2017. • ^ "RISCATTATA LA SECONDA META' DI BELOTTI "RINGRAZIO LA SOCIETA' PER Andrea duro FIDUCIA" " (in Italian). US Città di Palermo. 12 September 2014. Archived from the original on 12 September 2014. Retrieved 12 September 2014. • ^ "Torino, preso Belotti dal Palermo: ha firmato, costera 7,5 milioni" [Turin, take Belotti from Palermo: has signed, will cost 7.5 million].

La Gazzetta Dello Sport (in Italian). 17 August 2015. Retrieved 31 January 2017. • ^ "Belotti al Toro". torinofc.it. Torino Football Club. Retrieved 18 August 2015.

• ^ "A Immobile bastano 9 minuti Il Toro va: che coppia con Belotti". Archiviostorico.gazzetta.it (in Italian). 17 January 2016. Retrieved 25 April 2017. • ^ "Buffon sets new Serie A record". Football Italia. 20 March 2016. Retrieved 20 March 2016. • ^ "Torino 5-1 Bologna". ESPN FC. 28 August 2016 andrea duro. Retrieved 29 August 2016. • ^ "Belotti rinnova sino al 2021". Torinofc.it. Retrieved 25 April 2017.

• ^ "Torino, Belotti rinnova. Cairo: "Fino al 2021, clausola per l'estero da 100 mln" ". Gazzetta.it. Retrieved 25 April 2017. • ^ "Torino, Belotti per la prima volta capitano dal 1° contro il Palermo".

la Gazzetta dello Sport. 2 March 2017. • ^ "OptaPaolo". Opta. 5 March 2017. • ^ "Belotti's star continues to rise with eight-minute hat-trick". SBS. 5 March 2017. andrea duro ^ "Belotti: 'I don't think about €100m' ". Football Italia. 29 April 2017. • ^ Campanale, Susan (10 April 2017). "Serie A Week 31: Did You Know?". Football Italia. Retrieved 20 April 2017.

• ^ "Calciomercato Torino, Belotti capitano: indizio sul futuro?". Goal.com. Retrieved 9 September 2018. • ^ a b c d "WATCH: In-demand Belotti scores on flying scissor kick". Si.com. Retrieved 9 September 2018. • ^ "Cosa dobbiamo pensare della stagione di Belotti?". Ultimouomo.com. 27 April 2018.

Retrieved 9 September 2018. • ^ "Internazionale vs. Torino - 26 August 2018". int.soccerway.com. Soccerway. 26 August 2018. Retrieved 2 April 2020.

andrea duro

• ^ "Sampdoria vs. Torino - 4 November 2018". int.soccerway.com. Soccerway. 4 November 2018. Retrieved 2 April 2020.

andrea duro ^ "Toro News Award: trionfa Belotti! La premiazione al Filadelfia" [Toro News Award: Belotti triumphs! The award ceremony in Philadelphia]. toronews.net (in Italian). RCS Media Group. 24 May 2019.

Retrieved 2 April 2020. • ^ "L'Europa del Toro ricomincia da tre: Belotti, Ansaldi e Zaza stendono il Debrecen" [The Europa del Toro starts again from three: Belotti, Ansaldi and Zaza extend the Debrecen]. gazzetta.it (in Italian).

RCS Media Group. 25 July 2019. Retrieved 2 April 2020. • ^ "Belotti nella top ten dei marcatori di sempre! - TORINO FC 1906 SITO UFFICIALE". torinofc.it. Archived from the original on 1 September 2019. • ^ "Belotti continues scoring run to complete Torino win". Reuters. 16 July 2020. Retrieved 31 July 2020. • ^ "GOALS AND GOOD PLAY BY THE U.19 IN COVERCIANO UNDER WATCHFUL EYE OF PRANDELLI" (in Italian). FIGC. 14 December 2011. Archived from the original on 20 September 2016.

Retrieved 13 September 2012. • ^ "Italia Lega Pro – Under 19 2-4 davanti a Prandelli". LegaPro.it (in Italian). 14 December 2011. Retrieved 25 Andrea duro 2017. • ^ "EUROPEI: GLI AZZURRINI BATTONO 2-1 IL BELGIO AL DEBUTTO" (in Italian). FIGC. 23 May 2012. Archived from the original on 23 September 2016. Retrieved 15 September 2012. • ^ "Under-19 – Andrea Belotti". UEFA.com. Retrieved 25 April 2017. • ^ Luca Bianchin (24 June 2015).

"Europeo Under 21, Inghilterra-Italia 1-3, ma il biscotto condanna gli Azzurrini" (in Italian). La Gazzetta dello Sport. Retrieved 4 July 2015. • ^ "Italy: Ventura calls new faces". Football Italia. 27 August 2016. Retrieved 27 August 2016. • ^ "Italy: Azzurri flop with France". Football Italia. 1 September 2016. Retrieved 1 September 2016. • ^ "Belotti: 'Great Italy courage' ". Football Italia. 9 October 2016. Retrieved 9 October 2016. • ^ "Mancini names uncapped striker Raspadori in final Italy Euro 2020 squad".

Reuters. 1 June 2021. Retrieved 5 June 2021. • ^ "Italy beat Spain on penalties to reach final". BBC Sport. 6 July 2021. Retrieved 7 July 2021. • ^ a b McNulty, Phil (11 July 2021). "England lose shootout in Euro 2020 final". BBC Sport. Retrieved 11 July 2021. • ^ "Sacchi: God blessed Torino striker Belotti with greater values than talent – Tribal Football". Tribalfootball.com. • ^ Belotti: "Prima facevo il centrocampista.

Se sono un attaccante lo devo a." Mediagol.it • ^ Bergomi: "Belotti, ricordo quando ti affrontai." Mediagol.it • ^ Belotti, gol da predestinato. Con la benedizione di Mondonico. Gianlucadimarzio.com • ^ a b "Belotti, un andrea duro per l'Italia. sulle orme di Vialli". Goal.com. 6 October 2016. • ^ Tomaselli, Paolo (10 Andrea duro 2016). "Belotti, il talento nato dalla gavetta". Corriere.it. • ^ a b c "L'uno contro uno di MUD: Belotti vs Zapata" (in Italian). www.mondoudinese.it. 29 March 2017.

Andrea duro 1 August 2019. • ^ a b Molinaro, John (18 January 2017).

andrea duro

"Torino's Andrea Belotti: The €100-million man". Sportsnet. Retrieved 13 October 2019. • ^ "Torino, Manchester United su Belotti. Pronto a sborsare 100 milioni". Gazzetta.it. • ^ "Crotone-Torino 0-2, doppio Belotti fa volare Mihajlovic". Gazzetta.it. andrea duro ^ "Belotti e Immobile gemelli del gol: doppietta andrea duro 'Gallo' nel 4-0 al Liechtenstein". FIGC – Federazione Italiana Giuoco Calcio. Archived from the original on 21 December 2016. Retrieved 3 June 2017. • ^ "La promessa di Belotti: "Con i miei gol fino al Mondiale" ".

Repubblica.it. 14 November 2016. • ^ "Testa, destro e sinistro: Belotti è un bomber a tutto tondo". Goal.com (in Italian). 20 November 2016. • ^ "Belotti, ma che giocatore sei diventato?". Tuttosport.com. • ^ "Torino-Roma 3-1. Sblocca Belotti, doppietta di Iago, gol di Totti su rigore".

Gazzetta.it. • ^ "Torino-Juventus 1-3, Higuain doppietta per la rimonta e festa per il compleanno". QuotidianoNet. 11 December 2016. • ^ "Ritmo, velocità e Belotti. Il nuovo Toro va forte". LaStampa.it. Archived from the original on 3 April 2017. Retrieved 3 June 2017. • ^ "Determinazione e 'fame', Belotti raccontato dal suo ex capitano: "Ha qualità che ho visto solo nei grandi" ".

Gianlucadimarzio.com. • ^ "Derby tra bomber: Belotti meglio di Higuain, lo dicono i numeri". Goal.com. • ^ "Belotti, l'attaccante che alza la cresta anche in Europa: in gol ogni 58' meglio anche di Messi". It.europsort.com. 27 September 2016. • ^ "Pagelle Italia-Germania: bene Belotti e De Rossi".

andrea duro

Repubblica.it. 15 November 2016. • ^ "Mancini drops Kean, six others from Italy squad ahead of Euros". Sportsnet.ca. 30 May 2021. Retrieved 14 November 2021. • ^ Owen, Danny (23 March 2020). " andrea duro like crazy': Roberto Mancini raves about reported Everton target". HITC.

Retrieved 14 November 2021. • ^ "Giorgia Duro e Andrea Belotti, il matrimonio" (in Italian). Il Corriere della Sera. 15 June 2017. Retrieved 16 Andrea duro 2017. • ^ "Belotti compie 26 anni, le 10 cose che non sapevate sul "Gallo": dalla cresta alla messa fino al cane portiere" [Belotti turns 26, the 10 things you didn't know about the "Rooster": from the crest to the mass up to the goalkeeper dog].

calcioweb.eu (in Italian). Calcio Web. 20 December 2019. Retrieved 2 April 2020. • ^ "Belotti's wife Giorgia: 'We are fine' ". Football Italia. 9 March 2021. • ^ a b Andrea Belotti at Soccerway.

andrea duro

Retrieved 8 July 2015. • ^ "Scheda analitica della carriera". Aic.football.it. • ^ a b "Andrea Belotti" (in Italian). Italian Football Federation. 5 August 2020. Retrieved 11 July 2021. • ^ "Pallone d'argento a Belotti, andrea duro prima del match Torino-Sassuolo" (in Italian).

Tutto Sport. 24 April 2017. Retrieved 27 November 2017. • ^ "Belotti batte Dybala: al Gallo il premio Prisco per la lealtà sportiva". Toro.it (in Italian). 21 March 2017. Retrieved 27 November 2017. • ^ "Gazzetta Sports Awards: Buffon l'uomo dell'anno, Totti e Contador leggende" (in Italian). La Gazzetta dello Sport. 12 December 2017. Retrieved 12 January 2017. • ^ "Belotti Vince il premio Scirea". tuttosport.com. 14 December 2020. Retrieved 4 January 2021. • ^ "Mattarella ha conferito onorificenze motu proprio ai giocatori e allo staff della Nazionale vincitrice del campionato europeo" (in Italian).

quirinale.it. 16 July 2021. External links [ edit ] Wikimedia Commons has media related to Andrea Belotti. • Andrea Belotti Profile at Torino F.C. (official website club) • Andrea Belotti Profile at AIC.football.it (in Italian) • Andrea Belotti Profile at FIGC.it (in Italian) • Official website • 1 Berisha • 3 Bremer • 4 Pobega • 5 Izzo • 6 Zima • 7 Zaza • 9 Belotti ( c) • 10 Lukić • 11 Pjaca • 13 Rodriguez • 14 Brekalo • 15 Ansaldi • 17 Singo • 18 Stojković • 19 Sanabria • 20 Edera • 22 Praet • 23 Seck • 26 Djidji • 27 Vojvoda • 28 Ricci • andrea duro Vanja • 34 Aina • 38 Mandragora • 64 Pellegri • 70 Warming • 77 Linetty • 89 Gemello • 93 Farès • 99 Buongiorno • Head coach: Jurić • 1 Sirigu • 2 Di Lorenzo • 3 Chiellini ( c) • 4 Spinazzola • 5 Locatelli • 6 Verratti • 7 Castrovilli • 8 Jorginho • 9 Belotti • 10 Insigne • 11 Berardi • 12 Pessina • 13 Emerson • andrea duro Chiesa andrea duro 15 Acerbi • 16 Cristante • 17 Immobile • 18 Barella • 19 Bonucci • 20 Bernardeschi • 21 Donnarumma • 22 Raspadori • 23 Bastoni • 24 Florenzi • 25 Tolói • 26 Meret • Coach: Mancini • 1992: Baresi • 1993: Tacconi • 1994: Baresi • 1995: Vierchowod • 1996: Tassotti • 1997: Bergomi • 1998: Donadoni • 1999: Rampulla • 2000: Costacurta • 2001: Baggio • 2002: Maldini • 2003: Ferrara • 2004: Signori • 2005: Zola andrea duro 2006: Pessotto • 2007: Inzaghi • 2008: Del Piero • 2009: Doni • 2010: Zanetti • 2011: Di Natale • 2012: Gattuso • 2013: Pirlo • 2014: Totti • 2015: Toni • 2016: Buffon • 2017: Barzagli • 2018: Quagliarella • 2019: Chiellini • 2020: Belotti • 2021: Kjær Hidden categories: • Webarchive template wayback links • All articles with dead external links • Articles with dead external links from September 2018 • CS1 Italian-language sources andrea duro • Articles with short description • Short description is different from Wikidata • Use dmy dates from July 2021 • Articles using Template:Medal with Winner • Commons category link from Wikidata • Articles with Italian-language sources (it) • Pages using national squad without sport or team link • العربية • تۆرکجه • বাংলা • Беларуская (тарашкевіца) • Čeština • Deutsch • Eesti • Ελληνικά • Español • فارسی • Français • 한국어 • Հայերեն • Bahasa Indonesia • Italiano • עברית • ქართული • Қазақша • Kiswahili • Latviešu • Lietuvių • Magyar • Македонски • مصرى • Bahasa Melayu • Nederlands • 日本語 • Norsk bokmål • Polski • Português • Русский • Shqip • Sicilianu • Srpskohrvatski / српскохрватски • Suomi • Svenska • ไทย • Türkçe • Українська • Tiếng Việt • 中文 Edit links • This page was last edited on 8 May 2022, at 04:54 (UTC).

• Text is available under the Creative Commons Attribution-ShareAlike License 3.0 ; additional terms may apply. By using this site, you agree to the Terms of Use and Privacy Policy. Wikipedia® is a registered trademark of the Wikimedia Foundation, Inc., a non-profit organization. • Privacy policy • About Wikipedia • Disclaimers • Contact Wikipedia • Mobile view • Developers • Statistics • Cookie statement • •
"Pero, ¿sos una persona cercana?, consultó Taboada.

"No. Lamentablemente, durante la vida de Beatriz si estuve muy cerca", respondió Ana. Sin embargo, cuando la abogada comenzaba a explicar un poco más del tema, Andrea la interrumpió: "Perdiste contacto".

Ante esta situación, Rosenfeld no andrea duro en mostrar su molestia. "Dejame que te explique", lanzó. "No te pongas nerviosa", contestó la periodista. Y, Ana siguió: "No, no me pongo nerviosa. No es que perdí contacto, pero no me dejas terminar". Lejos de terminar ahí, el ida y vuelta continuó entre las panelistas. "Sí, hablá. Pero, ¿no te puedo interrumpir? es un segundo", dijo Andrea Taboada. "Si, me podes interrumpir", replicó la letrada. "Bueno, tampoco tenes que dar un discurso Ana Rosenfeld", disparó Andrea.

Y, cerró de manera picante: "No necesito un discurso. El programa no necesita un discurso, creo yo". El fuerte comunicado de Alberto Ferriols tras la denuncia de su hija Andrea duro, una de las hijas de Beatriz Salomón y Alberto Ferriols, denunció al cirujano ante la Justicia.

La joven lo denunció por violencia y ahora su padre lanzó un duro comunicado exponiendo los problemas mentales de su hija. Tras la exposición en la Comisaría de la mujerBettina pidió protección a su tío materno y habría obtenido un botón de pánico para resguardarse. A tres días de esa noticia que conmocionó a todosAlberto Ferriols usó sus redes sociales para emitir un comunicado sobre el tema en el que expuso los problemas de salud de su hija, que también lleva la firma de su otra hija Noelia.

"Atento a las cuestiones de público conocimiento que se suscitaron en el contexto de nuestra familia, solicitamos a la prensa el cese de los comentarios o reproducciones de manifestaciones que dejan en evidencia una cuestión sumamente delicada con relación a la salud de mi hija Bettina", comunicó.

"Por respeto a la voluntad de su madre, no han traspasado la esfera privada ciertos detalles de índole personal, que ella estimaba afectarían a su hija en su imagen.

Es así que consideramos, junto con su hermana, que la exposición pública de la que está andrea duro objeto puede derivar en una crisis que no está preparada para manejar", indicó. Ferriols pidió reserva a los medios sobre la joven: "Rogamos reserva y respeto hasta que podamos contener la situación y recuperar la estabilidad que estando vulnerable puede perder fácilmente. Somos de la opinión de que ello se logra mediante el amor y el cuidado.

No es nuestra intención responsabilizar por ahora, a los medios que realizan su trabajo, pero sí al entorno familiar que habiendo sido expresamente excluidos de la casa de mis hijas por órdenes de última voluntad de su mamá, han aprovechado el estado de indefensión de Bettina con intenciones espurias provocándole así un perjuicio de imposible reparación ulterior".

andrea duro

Lo más visto Silvina Luna y una fuerte declaración sobre Martín Salwe: "Estoy." La amenaza de Yanina Latorre en pleno aire de LAM El sorpresivo cruce en redes de la China Suárez y un actor de la serie de Luis Miguel Mirtha Legrand sorprendió con una respuesta sobre su regreso a la televisión: "Llamen a." Evangelina Anderson se vistió de tanguera e hizo delirar a todo Munich La andrea duro de Mauricio D'Alessandro, abogado de Matías Morla, al pedido de Dalma y Gianinna El desprecio de Robert De Niro con una fanática argentina Palito Ortega habló sobre su supuesta hija y realizó fuertes declaraciones: "Ese capricho estúpido" Termina la andrea duro temporada de Emparejados y llega La noche del domingo en América TV Bautista, el hijo de Emanuel Ortega y Ana Paula Dutil, contó cómo es su relación con Julieta Prandi
Andrea Legarreta recordó al bebé que perdió (Foto: Instagram) Andrea Legarreta está casada con Erik Rubín desde hace 22 años, en ese lapso, la pareja vio andrea duro a dos hijas, es decir, Mía y Nina Rubín, sin embargo, la conductora de Hoy perdió a su primogénito y lo recordó este día.

Durante una conversación con un grupo de reporteros, Andrea Legarreta compartió que tomó terapia de pareja junto a su esposo y luego fue cuestionada sobre el deseo que tenía de educar a un niño.

Aunque en su momento vivió un profundo dolor tras la pérdida, el nacimiento de Mía y Nina transformó su manera de ver la vida y dejó de idealizar cómo debería ser su familia perfecta, comprendiendo que la felicidad estaba en lo que ya tenía y no “lo que podría haber sido” “Después de esa perdida entendimos que si vas andrea duro tener un bebé, el que andrea duro es el andrea duro, es el que tiene que llegar a tu vida y al final hay cosas que dejan de verse como un sueño, al final tienes los hijos que debes tener, son los correctos y los debes tienes que arropar y abrazar, no encapricharte con el sexo del bebé, está padre intentar darle mejores seres humanos a este planeta, educarlos.

todo lo que implica la paternidad”, detalló. Este mismo día, los eternos enamorados festejaron 22 años de casados andrea duro la conductora sorprendió al ex Timbiriche con una tierna dedicatoria que compartió en redes sociales. Durante las primeras horas de este viernes, Andrea Legarreta recurrió a su cuenta de Instagram para compartir un emotivo mensaje en honor a su amado esposo; externó que durante las más de dos décadas que han estado juntos han aprendido, se han transformado y han crecido, además de formar una familia con sus dos hijas: Mía, cantante de 17 años, y Nina, actriz de 16.

“Hace apenas 22 años… 22 años de recorrer juntos este camino llamado vida… 22 años juntos contra viento y marea… conociéndonos, transformándonos, aprendiendo, creciendo, gozando, andrea duro, cantando, bailando, viajando, en momentos de lágrimas, pruebas y tormentas… Y momentos de sol y arcoíris… 22 años reinventándonos y adaptándonos a tantas formas de amar”, comenzó la conductora.

En su mensaje, Andrea Legarreta aprovechó el espacio para reconocer el trabajo diario que hacen para fortalecer su matrimonio, desde las cosas más pequeñas hasta resolver sus diferencias, y finalizó pidiéndole que sigan caminando juntos por el mismo camino.

“ Hoy después de haber dicho SÍ hace 22 años, se me desborda de alegría el corazón al tener la certeza de que no nos equivocamos. Agradezco no habernos dejado vencer en los momentos difíciles.

Me siento tan agradecida con Dios y la vida por “coincidir”. Estoy orgullosa de ser testigo del gran hombre que eres y en el que te has convertido. Gracias amor, por estos 22!! Gracias por la familia que somos!!”, continuó. SEGUIR LEYENDO: Los científicos habían calculado que este gas de efecto invernadero tendría una función fertilizante, pero recientes investigaciones advirtieron beneficios menores.

Cuál es el rol de andrea duro humedad y los incendios forestales “Este resultado horroroso, solo se borra con una remontada contundente al Unión Magdalena”: Tulio Gómez Con amenazas, el ELN andrea duro su campamento en una comunidad indígena a metros de un comando de la Guardia Andrea duro El ex alcalde chavista Jhonnathan Marín se entregó en Miami por un caso de sobornos en la petrolera estatal PDVSA El Observatorio Venezolano de Derechos Humanos Ambientales exhortó al régimen a proteger los parques nacionales ¿Cerrar la “válvula de escape”?

Venezuela apuesta por la “desdolarización” El chavismo busca ilegalizar a las ONG venezolanas siguiendo el ejemplo de Daniel Ortega en Nicaragua VIDEO: dos aviones habrían estado a punto de chocar en el Aeropuerto Internacional de la CDMX “Fuerte, sólido y en pie de lucha”: PRD conmemoró 33 años de historia Yahir ante final de Tu cara me suena: “Fue un camino lleno de ‘No puedos’” Aseguraron paquetes con metanfetaminas y crystal en aeropuerto de Toluca; tenían como destino Nevada y California Descubrieron marihuana y gomitas cannábicas en empresa de paquetería de Guadalajara Tres niños y un adulto mueren ahogados en el lago de Tota Gobierno nacional enviará 1.900 uniformados para enfrentar andrea duro paro armado en Antioquia “Este resultado horroroso, solo se borra con una remontada contundente al Unión Magdalena”: Tulio Gómez “Me parece tan miserable la frase: No sigan el ejemplo de Venezuela”, Aida Victoria Merlano le responde a Ricardo Montaner Las pesquisas que dieron con Nelson David M.

B., el colombiano señalado de asesino en serie de homosexuales en España EEUU anunció la restricción de visados a más de 2.000 militares de Rusia por abusos de los DDHH y violaciones del derecho internacional Los países del G7 se comprometieron a dejar de importar petróleo ruso La primera dama de Estados Unidos, Jill Biden, realizó una sorpresiva visita a Ucrania La CIA advierte que China “estudia cuidadosamente el conflicto en Ucrania” mientras ajusta su avance sobre Taiwán Sigue la polémica en Florida por los contenidos de los textos que los alumnos usan en las escuelas Anabella Franco: “La novela romántica asumió el nuevo rol de la mujer” El video del instante posterior a que el taxista atropellara a las estudiantes francesas en Palermo Consejos para que una cuenta de Instagram salga primero en la búsqueda Cuáles son los 6 trastornos del sueño más frecuentes y cómo tratarlos Con Jordan, LeBron, Beckham y Maluma, 16 fotos de las celebridades que estuvieron en el GP de Miami de Fórmula 1 Anabella Franco: “La novela romántica asumió el nuevo rol de la mujer” Pedro Castillo intentó nombrar embajadores a cuatro simpatizantes de Perú Libre VIDEO: dos aviones habrían estado a punto de chocar en el Aeropuerto Internacional de la CDMX Los beneficios para los bosques tropicales del exceso de dióxido de carbono en la atmósfera sería menor al estimado, según un estudio Boris Johnson pidió al G7 un incremento de la ayuda militar a Ucrania: “El mundo necesita hacer más y actuar más rápido” Luciano Castro subió un video en familia y lo tildaron de “irresponsable” Yahir ante final de Tu cara me suena: “Fue un camino lleno de ‘No puedos’” El increíble tatuaje de un fan que dejó en shock a Lali Espósito: “¿Quién es el loco?” El inminente casamiento de Gianinna Maradona y Daniel Osvaldo: cuándo será la boda Con dos días de vida, Luca ya cumplió uno de los sueños de Fabián Cubero Polémica por la inclusión de Kevin Mac Allister en el triunfo de Argentinos que lo clasificó en la Copa de la Liga: ¿Gimnasia puede protestar los puntos?

La insólita maniobra de Mick Schumacher que dejó afuera a Sebastian Vettel del GP de Miami de la Fórmula 1 Atlético Madrid rompió la racha y le ganó 1-0 el clásico al Real por la Liga de España Patada sin pelota y “cortito” antes de irse: escandalosa expulsión de Pablo Pérez en la eliminación de Newell’s de la Copa de la Liga Con Jordan, LeBron, Beckham y Maluma, 16 fotos de las celebridades que estuvieron en el GP de Miami de Fórmula 1

Maquillaje BASICO de ANDREA DURO /Que nunca te debe faltar (Basic Makeup)




2022 www.videocon.com